PRIMA I NUMERI (DEL BIO)

Centinaio celebra il biologico, ma nelle denunce di produzione del riso ci sono ancora delle incongruenze

«Siamo il Paese più ricco di biodiversità». Applausi. «L’agrobiodiversità è un valore aggiunto del nostro Paese che va preservato e tutelato». Applausi. «Stiamo lavorando e investendo sul biologico e su politiche di sviluppo sostenibile» Ancora applausi al ministro Centinaio, il quale ha pronunciato queste parole in occasione della Giornata Internazionale della Biodiversità. Aggiungendo che «siamo il Paese con più biologico in assoluto, e vogliamo andare avanti su questa strada, forse una delle più efficaci per salvaguardare veramente questa nostra immensa ricchezza.  Stiamo migliorando la parte legislativa relativa al bio e siamo pronti a impegnarci in questo senso anche a livello europeo, purché nulla ricada sulle spalle degli agricoltori, i veri custodi e garanti di queste preziose eccellenze. Dobbiamo andare avanti su questa direzione o lasceremo a chi viene dopo di noi un’Italia più povera di quella che ci hanno consegnato i nostri padri». Bellissime parole signor Ministro, ma allora come spiega che – a quanto si dice in piazza – dalle denunce di produzione del risone emerge che alcune aziende miste – che cioè producono sia biologico che convenzionale – avrebbero dichiarato una produzione per ettaro di risone biologico superiore ai cento quintali ad ettaro. Si saranno concentrati moltissimo su quella parte dell’azienda, ci dirà Lei, che dispone di tutti quei dati e quindi deve avere una visione del problema del biologico che va ben oltre le frasi fatte e gli slogan da fiera di paese. Non crede però che prima di suonare la grancassa si dovrebbe fare un po’ di chiarezza sui numeri del biologico? E distinguere il bio vero dal bio falso, organizzando norme e controlli come si deve? Glielo scrive chi, quando ha provato a chiedere le rese della produzione biologica a un progetto di ricerca scientifica finanziato dal Suo ministero – il progetto Riso Biosystem – si è scontrato con un muro. Come dice Salvini? Prima i numeri, signor Ministro, prima i numeri… Autore: Paolo Viana

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI