LOMELLINA, BALDO IN ANTICIPO?

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailFlegetonte e Caronte “svuotano” i chicchi di riso. E ora si attende Acheronte, il nuovo anticiclone che agiterà il sonno dei risicoltori. Lo scrive Umberto De Agostino (foto piccola)...

DEAGOSTINOFlegetonte e Caronte “svuotano” i chicchi di riso. E ora si attende Acheronte, il nuovo anticiclone che agiterà il sonno dei risicoltori. Lo scrive Umberto De Agostino (foto piccola) sulla Provincia Pavese del 4 agosto: le temperature africane delle ultime settimane hanno provocato non pochi danni alle risaie della provincia di Pavia, prima in Europa con i suoi 77mila ettari. Mentre i risicoltori iniziano a guardare al raccolto di settembre, emergono le preoccupazioni per l’ondata di caldo trascorsa e quella in arrivo. Il giornalista lomellina cita la testimonianza di Marco Sobrero, tecnico di Bayer CropScience Italia, che sul nostro sito ha illustrato gli effetti del grande caldo sulle pannocchie di riso. «La sterilità del cereale – dice il tecnico della società agrochimica – non viene indotta solo dal grande freddo, ma anche dal solleone. Le giornate molto calde non hanno permesso un’ottima maturazione del polline, che è sterile o addirittura mancante. Senza polline non può esserci la fecondazione del granello. All’esterno non si nota alcun sintomo, ma all’interno del chicco non c’è polline». La situazione – scrive il giornale – è confermata da Paolo Sala, che gestisce con il fratello Emilio l’azienda agricola Gattinera di Ferrera. «In effetti – dice – alcuni risi Lungo B non sono stati fecondati a causa delle alte temperature. D’altro canto, il grande caldo ci costringerà ad anticipare il raccolto di Baldo e Sant’Andrea, mentre il Carnaroli sta spigando in questi giorni e quindi è in linea con la normale maturazione». (05.08.2015)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI