VOGLIAMO NUMERI, NON STORIE

Il Ministro ostenta ottimismo e invita a "raccontare" il made in Italy ma i prezzi parlano un altro linguaggio

Il ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio è un ottimista. Il 14 maggio dichiara: «Agricoltura in ripresa, avanti su questa strada». Il 17 maggio rilancia: «Siamo in vento favorevole» e annuncia di voler aprire un’agorà al Ministero «dove all’interno del mondo del turismo noi vorremmo inserire anche tutto il mondo della ristorazione». Questa è la sua idea di quel che ci serve: «c’è una fame di ristorazione italiana in giro per il mondo e di conseguenza sono convinto che opportunità come queste, finché siamo sulla cresta dell’onda a livello internazionale, dobbiamo coglierle per evitare che altri vadano a occupare spazi che noi non riusciamo a fare nostri». Si sa che il Ministro è un esperto di turismo e tende a declinare anche le questioni agricole in quell’ambito, ma purtroppo la realtà è più complessa e non è scontato che i problemi si risolvano, come ha detto, «raccontando la storia del prodotto». Già, perché per Centinaio «dobbiamo far sì che i prodotti dell’agroalimentare italiano vengano conosciuti il più possibile in tutto il mondo, arrivare il più lontano possibile. Lo Stato Italiano è dalla parte di chi produce qualità. Insistiamo su un nuovo storytelling del Made in Italy». Ecco, il punto è proprio questo: di storytelling non si campa, o, se vogliamo, nel caso del riso lo storytelling è ancora condizionato da numeri che non inducono affatto all’ottimismo. La tabella che leggete mette in relazione i prezzi del risone da ottobre a maggio e li confronta con i valori che permettono alle aziende risicole di pareggiare entrate e uscite, secondo un noto studio dell’Associazione Laureati in Scienze Agrarie della Provincia di Vercelli. Alle quotazioni attuali chi produce lungo B può chiudere, chi produce varietà da interno è a rischio e solo chi produce tondo è in zona di sicurezza. Questi numeri, signor Ministro, sono lo storytelling che ci interessa. Autore: Paolo Viana

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI