«TROPPI DIVIETI, LE RISAIE SONO PRATERIE»

Dura contestazione in Estremadura alle restrizioni nell'impiego degli agrifarmaci

L’Unione dell’Estremadura, organizzazione agricola professionale indipendente, ha lanciato un monito importante alcuni giorni fa sulla distruzione delle risaie nella regione a causa delle «restrizioni indiscriminate dell’uso di prodotti fitosanitari»: in Estremadura, in cinque anni, sono scomparsi più di 5.000 ettari di risaie. Secondo questa organizzazione, il settore del riso in Estremadura viene coltivato attualmente in un’area di circa 21.700 ettari con una produzione approssimativa di 152.000 tonnellate; nei cinque anni precedenti si sono persi nella regione più di 5.000 ettari di superficie a causa principalmente della mancanza di redditività e degli «ostacoli imposti dalle amministrazioni», a tutti i livelli. Ostacoli che passano attraverso «il divieto dell’uso di erbicidi e fungicidi, che sono anche autorizzati nei paesi da cui importiamo questo prodotto», afferma l’Unione, quindi «in effetti il ​​riso può essere considerato una coltura che emette quantità significative di gas serra nell’atmosfera», ma sottolinea che ciò si verifica solo «se non vengono praticate pratiche culturali adeguate». 

Tuttavia, l’Unione di Estremadura considera il silenzio delle associazioni di conservazione come “sorprendente” in relazione a questo settore, che attualmente ha una superficie nazionale di oltre 120.000 ettari, come ricorda, la coltivazione del riso sta mantenendo le zone umide del Delta dell’Ebro, dall’Albufera di Valencia, le paludi del Guadalquivir e le zone umide di Las Vegas del Guadiana. A questo proposito, si sottolinea che attualmente «la pressione esercitata dalle amministrazioni sui produttori di riso sta portando questa coltura alla sua graduale scomparsa e conversione verso altre colture intensive molto meno rispettose degli uccelli che abitano questi spazi». (SAI COME SI COMBATTE IL BRUSONE IN ITALIA?)

Per tutti questi motivi, l’Unione indica che il settore del riso in Estremadura e in Spagna «non può continuare con limiti così estremi nell’uso degli erbicidi che stanno portando le risaie a diventare vere praterie», e spiega che le restrizioni all’uso dei fungicidi «stanno dando luogo all’impossibilità di fermare i funghi come la pyricularia che sta decimando le colture».
Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI