Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

RACCOLTO IN RITARDO IN SPAGNA

da | 8 Ott 2021 | Internazionale

Raccolto del riso in Andalusia: secondo il governo locale, lo stadio fenologico dominante nella coltura è il “12” (grano pastoso). Lo stadio più ritardato è il “10” (fioritura). La presenza di “13” (chicco duro) si osserva nel 21% degli appezzamenti, ed è già dominante nel 15%. Il più avanzato è il “14” (raccolto al 18-22% di umidità). La raccolta è iniziata la settimana scorsa, principalmente sul margine sinistro dell’areale risicolo andaluso, con circa 10-15 giorni di ritardo rispetto alla stagione precedente. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la semina è iniziata più tardi quest’anno, all’inizio di giugno (ad eccezione di alcuni appezzamenti specifici, seminati alla fine di maggio), a causa delle abbondanti piogge in primavera, che hanno reso difficile il lavoro di preparazione, e all’incertezza per quanto riguarda la fornitura definitiva di acqua per la coltura. Attualmente, la superficie raccolta a Siviglia è ancora molto bassa, meno del 3%. Di solito passano circa due mesi tra il primo e l’ultimo raccolto. Tuttavia, tutto dipenderà dalle condizioni meteorologiche.

Secondo le previsioni, la stabilità atmosferica è prevista per i prossimi giorni, senza pioggia e con temperature massime intorno ai 30ºC. Tra le 28 varietà piantate quest’anno, i risicoltori hanno iniziato, come al solito, con le varietà a ciclo più breve (a chicco tondo, come Bomba, e dall’altra parte la varietà siriana). Anche alcune semine precoci della varietà Puntal. Dal punto di vista fitosanitario, la stagione sta procedendo normalmente. Tra le malattie, la principale nella zona è il brusone (Pyricularia grisea), che ha mostrato una maggiore attività rispetto alla stagione precedente. Le condizioni di umidità e temperatura sono state favorevoli allo sviluppo di questo fungo, come è stato confermato dalle letture dei termoigrografi installati nel campo dall’inizio di agosto alla fine di settembre. I sintomi sono stati osservati nel 39% degli appezzamenti. La cimice verde è rimasta a livelli bassi per tutta la stagione.

I livelli sono chiaramente inferiori a quelli degli ultimi anni, e un po’ più bassi rispetto alla scorsa stagione, quando anche la presenza era bassa. I danni causati da questo insetto sono una conseguenza della puntura di questo insetto sul grano, a partire dallo stadio fenologico “11” (grano lattiginoso), il momento più critico. Le varietà a chicco tondo sono fenologicamente più avanzate, quindi la cimice rimane più a lungo in esse, e sono anche più suscettibili all’attacco di questo insetto.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio