Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PRODUZIONE IN AUMENTO

da | 16 Apr 2021 | Internazionale

RISO

Secondo le ultime stime della Fao, la produzione mondiale del riso nel 2020 sarebbe aumentata del 2,1% a 773,5 milioni di tonnellate (513,6 milioni di tonnellate di base macinata). La produzione asiatica è cresciuta, principalmente a causa dell’espansione delle aree coltivate a riso e delle migliori rese registrate in Cina e in India. In India, si stima che la produzione sia aumentata del 3,5%, mentre in Cina la crescita è stata solo dello 0,5%. In Tailandia, la produzione è migliorata del 3,7%, nonostante la siccità di metà anno. Negli Stati Uniti, il raccolto è aumentato del 22% rispetto all’anno precedente. Anche in America latina la produzione si è ripresa, soprattutto in Brasile.

Nell’Africa sub-sahariana, la produzione di riso non ha avuto buoni risultati a causa delle inondazioni che si sono verificate alla fine del ciclo del raccolto, soprattutto nelle regioni occidentali. Secondo le informazioni disponibili, non ci sarebbero state variazioni rispetto al 2019, e questo potrebbe aumentare notevolmente il fabbisogno di importazioni nel 2021.

Produzione riso e scambi in aumento su scala globale

Per quanto riguarda il commercio mondiale e le scorte globali, nel 2020, gli scambi sono aumentati del 2,9% a 45,5 milioni di tonnellate da 44,2 milioni di tonnellate del 2019. Il fabbisogno di importazioni è stato maggiore in America Latina e nei Caraibi a causa di un picco nel consumo di riso in risposta alla pandemia Covid-19. L’India, il maggiore esportatore mondiale, ha visto le sue esportazioni salire del 50% grazie a prezzi molto competitivi. Al contrario, le vendite thailandesi sono calate ancora del 25%, raggiungendo il livello più basso degli ultimi vent’anni. Il Vietnam ha resistito meglio all’onda indiana, registrando un calo limitato al 4,5%, salendo al secondo posto nel mondo e superando la Thailandia per la prima volta nella sua storia. Nel 2021, si prevede un aumento significativo del commercio mondiale del 6%, raggiungendo dunque le 48,2 milioni di tonnellate, pari a 2,7 milioni di tonnellate in più rispetto al 2020. Si prevede una forte domanda di importazioni dal Bangladesh e dall’Africa occidentale, in particolare da paesi come Nigeria, Costa d’Avorio e Senegal.

Le scorte mondiali di riso nel 2020 sono diminuite dell’1,5% a 182,7 milioni di tonnellate contro le 185,3 milioni di tonnellate del 2019. Tuttavia, rimangono a livelli significativi, pari al 36% del fabbisogno mondiale. Questo calo riguarda soprattutto la Cina, ma le sue riserve rimangono importanti, equivalenti al 70% del suo consumo annuale. Inoltre, nel 2020/21 gli stock dei principali paesi esportatori dovrebbero aumentare ancora a 53 milioni di tonnellate, cioè il 30% delle scorte mondiali. D’altra parte, le scorte dovrebbero contrarsi nei principali paesi importatori, specialmente nei paesi africani. Nel 2021, gli stock mondiali potrebbero rimanere stabili a circa 182,7 milioni di tonnellate.  Il rapporto completo può essere scaricato solo dal sito www.infoarroz.org.