PATTO CINA-VIET SULL’EXPORT

Memorandum per l'esportazione di 84mila tonnellate da An Giang

Il gruppo Loc Troi con sede nella provincia di Giang e la società Tan Vuong Food Joint Company esporteranno in Cina 84.000 tonnellate di riso all’anno. L’esportazione di riso è vincolata a cinque memorandum d’intesa siglati tra le due società e i loro partner cinesi nel corso di un seminario sulla cooperazione commerciale tra Vietnam e Cina nella provincia del Delta del Mekong di An Giang che si sono tenuti qualche giorno fa. An Giang esporta ogni anno oltre 400.000 tonnellate di riso, guadagnando circa 220 milioni di dollari. Il riso della provincia e i suoi derivati sono stati spediti in 63 paesi e territori, tra cui Stati Uniti, Germania, Spagna, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Singapore, Filippine e diverse nazioni del Medio Oriente. Secondo i dati dell’Ufficio doganale cinese, la Cina ha speso 1,6 miliardi di dollari importando riso nel 2018, di cui 740 milioni di dollari solo per acquistare riso vietnamita, che vale il 45% del totale.
All’inizio di quest’anno, la Vietnam Southern Food Corporation (Vinafood 2) e Food Valley of China (FVC) hanno firmato un memorandum d’intesa sul commercio del riso, secondo il quale la Cina importerà 100.000 tonnellate di riso dal Vietnam. Autore: Manuela Indraccolo

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI