Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PANNOCCHIA D’ORO A SARASSO

da | 7 Lug 2022 | Non solo riso

SARASSO

E’ Giuseppe Sarasso (in piedi nella foto) il vincitore della “Pannocchia di riso 2022”, riconoscimento assegnato dalla Famija Varsleisa a chi si è distinto nella promozione del riso. Lo ha reso noto il Presidente Pier Luigi Bruni. Sarasso, nato il 15 marzo 1950 a cascina Colombaro di Tronzano Vercellese, laureato (110/110) in Scienze Agrarie presso l’Università di Torino nel marzo 1974, abilitato alla professione di Agronomo nel 1976,  come carriera professionale ha ricoperto gli incarichi di Capo Ufficio agricoltura presso la Camera di Commercio di Vercelli (1975-1978) e di socio conduttore dell’azienda agricola Palestro s.s. di Olcenengo (1978-2007).

INVENZIONI IN RISAIA

Tra le innovazioni originali introdotte nell’azienda c’è l’invenzione di una paratoia che mantiene automaticamente costante il livello d’invaso in un canale irriguo a portata variabile, senza alcuna necessità di apporti energetici (1995); e l’invenzione di un sistema di controllo di altezza delle barre lambenti utilizzate in risaia per il controllo del riso crodo, oggi applicato a tutte le barre che utilizzano il principio del filo imbibito di Gliphosate (1992). Incuriosito dalla novità allora rappresentata dal Personal Computer, negli anni dal 1983 al 1986, dopo aver frequentato per tre inverni corsi serali di programmazione, ha realizzato con il collega dottor Roberto Sarasso, un software per la gestione integrata tecnico-economica dell’azienda agricola, ancora oggi utilizzato, e fonte di preziosi dati operativi.

ACCADEMICO E RICERCATORE

Per finire, l’introduzione dei sistemi di Precision Farming nella risicoltura (1998-studi in corso). Un primo resoconto di questa attività, fu presentato all’Accademia di Agricoltura il 28/05/2004 mentre una comunicazione sugli sviluppi dell’argomento fu presentata al Temperate Rice Congress di Novara (Giugno 2007). Grazie all’aiuto dell’Accademia di Agricoltura di Torino, ha dato vita nel 2010 al progetto “ASTRIS”, (Adattamento e Sviluppo di Tecnologie informatiche di supporto ad applicazioni di RISicoltura di precisione), che è attualmente in corso.

IL NOSTRO COMMENTO

La pannocchia di riso d’oro a Giuseppe Sarasso è una notizia importante. Sarasso non è solo un collaboratore di Risoitaliano ma è soprattutto un amico della risicoltura, perchè ha dedicato la vita alla risaia e perchè il suo impegno nello studio del riso è sempre andato oltre le amicizie e le convenienze. Come uomo di scienza, Sarasso è educato alla ricerca della verità e come persona è schietto e sincero, caratteristiche che ne fanno un interlocutore importante per chiunque voglia davvero conoscere la risicoltura moderna. Vedergli assegnare la pannocchia di riso d’oro ci riempie di orgoglio ma soprattutto ci convince che Vercelli sa ancora riconoscere il merito e la qualità nelle persone.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio