PAGLIA DI RISO PER I RUMINANTI

Studio dell'Università di Valencia che integra risicoltura e agrumicoltura

La paglia di riso e la potatura degli agrumi hanno un nuovo utilizzo: mangimi per ruminanti. Un team di ricercatori del Politecnico di Valencia (UPV) ha progettato un nuovo regime dietetico per mucche, pecore, capre, ecc. che comprende questi residui vegetali. Tra i suoi vantaggi, l’uso di nuovi mangimi contribuirebbe a ridurre la combustione di questi sottoprodotti dal campo, nonché a ridurre le emissioni di metano generate dagli animali.

Il lavoro fa parte del progetto europeo Low Carbon Feed (LIFE16 / CCM / ES / 000088), guidato da Unió de Llauradors i Ramaders; I suoi primi risultati sono stati pubblicati sulla rivista Animal Feed Science and Technology. Lo spiega il professor Carlos Fernández, ricercatore presso l’Istituto di scienza e tecnologia degli animali dell’UPV e responsabile del progetto: «Negli ultimi anni, la paglia di riso è stata eliminata attraverso la combustione controllata. D’altra parte, i resti di potatura delle colture di agrumi – arancia e limone – vengono eliminati bruciando o frantumandoli nel verde. Tutte queste pratiche causano grandi emissioni di gas serra nell’atmosfera».

I mangimi per ruminanti progettati dai ricercatori UPV riducono le emissioni di metano (gas serra) dall’8% al 22%. Oltre ai residui di paglia di riso e foglie di agrumi, incorporano altri ingredienti che garantiscono il soddisfacimento di tutte le esigenze nutrizionali dell’animale. E si distinguono anche perché, oltre ad avere un vantaggio ambientale, sono utili per gli agricoltori perché rivalutano un sottoprodotto offrendo un mangime a chilometro zero,  a un prezzo competitivo. 

«I nostri regimi dietetici includono residui di paglia di riso e foglie di arancia e limone in alimenti composti per animali ruminanti. Cioè, questi rifiuti non sono stati usati come fonte di foraggio, ma sono stati introdotti come un altro ingrediente nella produzione di un mangime composto», aggiunge Carlos Fernández. L’alimentazione per i ruminanti può essere utilizzata per nutrire qualsiasi popolazione di ruminanti (bovini, ovini, caprini, zebù, bufali d’acqua, yak, cervi, ecc.) E persino erbivori come la famiglia dei camelidi (dromedari, cammello, lama, alpaca, vigogna, ecc.). 

«È  una proposta che soddisfa anche uno dei principi di un sistema agricolo-zootecnico sostenibile: il 3R -Reuse, Recycle and Reduce-, senza danneggiare o alterare il livello produttivo degli animali», ha affermato il ricercatore del UPV. Oltre a  Fernández, il team comprende anche Tamara Romero, Pilar Molina e Nemesio Fernández, dell’Istituto di scienza e tecnologia degli animali, e José Vicente Martí, José Luis Palomares e Ion Pérez-Baena, del Dipartimento di Scienze degli animali . 

Il progetto Low Carbon Feed è finanziato dal programma europeo LIFE Climate Change. Oltre al coordinamento di Unió e alla ricerca dell’UPV, ha la partecipazione del Consiglio Comunale di Valencia, del Consiglio Comunale di Vall D’Uixò, della Fondazione per l’economia a basse emissioni di carbonio – Vall d’Uixò, (Castellón), Biomassa Airatec – Vall D’Uixò (Castellón), UNIPROCA – di Talavera de la Reina (Toledo) e SCARL-Bologna Area Europa (Italia). Autore: Simona Marchetti

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI