Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

L’INDIA RESTA LEADER NELLA PRODUZIONE

da | 27 Lug 2021 | Internazionale

In India, i prezzi del riso sono scesi dell’1%, soprattutto a causa di un’ulteriore svalutazione della rupia rispetto al dollaro. Rimane comunque il Paese più competitivo rispetto ai principali concorrenti asiatici. Tuttavia, alcuni acquirenti mostrano poco interesse per il riso indiano a causa di problemi di qualità e dell’alto costo del trasporto marittimo. L’offerta indiana dovrebbe essere abbondante anche quest’anno, grazie a un raccolto che si prevede eccellente a seguito di un aumento del 36% delle precipitazioni rispetto alla media decennale. Gli esportatori sperano di raggiungere un nuovo record di vendite con quasi 16 milioni di tonnellate esportati nel 2021, il 10% in più rispetto al record del 2020. A giugno, il riso indiano 5% ha ottenuto 390 dollari la tonnellata Fob contro i 394 dollari di maggio. Il riso indiano 25% è rimasto stabile a 361 dollari. All’inizio di luglio, i prezzi tendevano al ribasso, secondo il rapporto mensile di Patricio Méndez del Villar, ricercatore del Centre de Coopération Internationale en Recherche Agronomique pour le Développement – CIRAD in Francia.

In Tailandia, i prezzi sono scesi dal 5 al 6% secondo le varietà. Questo calo è dovuto a prezzi interni più bassi e alla svalutazione del bath rispetto al dollaro. Il mercato esterno è rimasto vivace, con le esportazioni che avrebbero raggiunto quasi 400.000 milioni di tonnellate in giugno, contro i 320.000 milioni di tonnellate di maggio. Tuttavia, sarebbero indietro del 25% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Le autorità tailandesi sperano di sostenere le vendite esterne nel lungo termine grazie ai MoU firmati con i principali importatori asiatici, in particolare Cina, Bangladesh e Indonesia. La Thailandia si aspetta di esportare quasi un milione di tonnellate all’anno verso questi paesi. A giugno, il prezzo del riso Thai 100%B è stato in media di 445 dollari contro i 470 dollari di maggio. Anche il Parboiled Thai è sceso a 445 dollari da 469. La rottura di riso A1 Super è scesa a 384 dollari da 409 dollari. All’inizio di luglio, i prezzi tendevano ancora al ribasso.

In Vietnam, i prezzi all’esportazione sono scesi del 3% in un mese sotto la pressione della concorrenza indiana e thailandese. Dopo due anni come secondo più grande esportatore del mondo, il Vietnam potrebbe essere al terzo posto nel 2022 dietro India e Thailandia. I funzionari locali affermano che questo è dovuto alla nuova politica commerciale del Vietnam, che si concentra più sulla qualità che sulla quantità. Il paese sta puntando ai mercati premium ad alto valore aggiunto, che sono considerati più stabili e meno competitivi, in particolare i mercati europeo, nordamericano e giapponese. Tuttavia, il Vietnam mantiene le vendite in Cina e nelle Filippine, i suoi due principali mercati. A giugno, il Viet 5% ha segnato 475 dollari dai 493 di maggio. Il Viet 25% è stato scambiato a 459 dollari contro i 468 dollari precedenti. All’inizio di luglio, i prezzi tendevano ancora a indebolirsi.

In Pakistan, i prezzi del riso hanno perso il 3% in un ambiente molto competitivo. Le prospettive di approvvigionamento sono molto promettenti nel 2021, con una produzione che dovrebbe essere dell’1,5% superiore al livello record del 2020. Tuttavia, le esportazioni pakistane sono ancora indietro del 18% rispetto allo stesso periodo del 2020. A giugno, il Pak 25% è stato quotato a 369 dollari rispetto ai 380 dollari di maggio. All’inizio di luglio, i prezzi erano stabili.

In Cina, le autorità mirano a raggiungere l’autosufficienza entro cinque anni. Tuttavia, continua la sua politica commerciale di esportazione dei vecchi raccolti di riso. Secondo alcune fonti, lo stock di disponibilità esportabile ammonterebbe a 7,5 milioni di tonnellate. La domanda cinese di importazioni dovrebbe rallentare e potrebbe raggiungere 2,7 milioni di tonnellate nel 2021, il livello più basso degli ultimi dieci anni.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio