LA VIA GRECA AL RISO BIO

L'intervento di Dimitrios Katsantonis, dell’Institute of Plant Breeding & Genetic Resources (Demeter)

Durante il recente convegno di Risobiosystems è intervenuto  Dimitrios Katsantonis, dell’Institute of Plant Breeding & Genetic Resources (Demeter), che ha proposto il suo intervento dal titolo “Ricerca su riso biologico e innovazioni tecnologiche in Grecia”. Un intervento che ha proposto lo sviluppo della  risicoltura greca, basata negli ultimi tempi su agricoltura biologica e a basso input, riassunta in alcuni punti chiave:

  • Fertilizzazione con fertilizzanti organici o escrementi animali, principalmente pollina (15 t/ha) come partenza. Il gruppo di ricerca ha sviluppato biofertilizzante da residui di lavorazione del riso, utili anche  per  l’economia circolare; 8-16 t/ha (è ancora in fase di sviluppo per aumentare N).
  • Fondamentale la rotazione.
  • Per il controllo delle infestanti si effettuano false semine e monda manuale.
  • La coltivazione a basso input può essere principalmente effettuata utilizzando pratiche agricole “smart” (agricoltura di precisione).

Katsantonis propone per risolvere i problemi del bio la tecnica del trapianto e due strumenti per l’ottenimento di mappe di fertilità: droni o satelliti. I vantaggi di quest’ultimi sono minori costi per le immagini e ampia area di copertura, gli svantaggi: le immagini ad altissima risoluzione sono costose, scarsa analisi dettagliata a fini agricoli con media/alta risoluzione a basso costo (5-10 m), la frequenza temporale può essere bassa (ad esempio, un’immagine ogni 5 giorni), le condizioni atmosferiche possono influenzare l’analisi (ad es. nuvola di copertura o alto contenuto di umidità) e richiede almeno due pacchetti software specializzati (correzione atmosferica e GIS per l’analisi). Per il drone i vantaggi sono: immagini ad alta risoluzione, acquisizione dell’immagine eseguita in qualsiasi momento e può essere facilmente adottato dagli agricoltori o dagli utenti finali; gli svantaggi: piccola area di copertura, costi più elevati per le immagini e richiede almeno due pacchetti software specializzati (per la costruzione delle mappe e GIS per l’analisi). Nel chiudere l’intervento  ha proposto alcuni esempi di macchina operativa 4.0 utilizzati in Grecia e un sistema di controllo del Brusone simile a Bruma. Autore: Ezio Bosso

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI