IL VIETNAM E LA TENTAZIONE CINESE

Una missione d'affari di Pechino scombussola i produttori vietnamiti

Un gruppo di uomini d’affari cinesi guidati dalla Chinese Food Association alcuni giorni fa è arrivato nel Delta del Mekong, la più grande area produttrice di riso del Vietnam, per discutere delle opportunità di cooperazione nel commercio del cereale. Le reazioni alle richieste non sono state tutte positive: alcuni, su posizioni più estremiste, pensano che sarebbe meglio dire “no” a qualsiasi offerta dalla Cina, affermando che i vietnamiti dovrebbero già conoscere i comportamenti non sempre virtuosi degli uomini d’affari cinesi. Tuttavia, secondo Pham Van Quynh, ex direttore del dipartimento agricolo della città di Can Tho, a differenza di altri tipi di prodotti agricoli, l’espansione dell’esportazione di riso in Cina è vantaggiosa per le enormi dimensioni di quel mercato, e potrebbe offrire nuove opportunità: l’area di coltivazione del riso in Vietnam è infatti rimasta stabile per un lungo periodo, nonostante gli alti e bassi del mercato.

Nel frattempo, per altre colture, l’area di coltivazione varia regolarmente a seconda della domanda cinese. «Quando la domanda cinese di patate dolci, jackfruit, pesce gatto e carne di maiale aumenta, gli agricoltori vietnamiti si affrettano ad aumentare le aree in crescita. Quando la domanda diminuisce, gli agricoltori gridano aiuto a causa dell’eccesso di offerta», ha spiegato un funzionario dell’area del Mekong, aggiungendo che questo però non dovrebbe accadere per il riso. «In questo caso, l’area di coltivazione del Vietnam è stabile e le importazioni della Cina sono a loro volta stabili, pari al 30% delle esportazioni ufficiali di riso del Vietnam», ha aggiunto. Secondo il Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale, l’area di coltivazione del riso nel Delta del Mekong, che fornisce il 90% della produzione totale di riso del paese, è di 1,5-1,6 milioni di ettari per coltura invernale-primaverile e estiva-autunnale e 800.000-900.000 ettari per raccolto autunnale-invernale.
Oltre alla Cina, il riso del Vietnam è stato esportato nelle Filippine, Indonesia, Malesia, Cuba, Ghana, Hong Kong e Costa d’Avorio. Nguyen Thanh Phong, direttore di Van Loi, ha anche osservato che il Vietnam avrebbe maggiori vantaggi quando la produzione è stabile e il mercato si espande. «Avremo un maggiore potere nelle operazioni di esportazione», ha spiegato, aggiungendo che non sarà un grosso problema per il Vietnam se la Cina tagliasse inaspettatamente le importazioni. Nguyen Minh Toai, direttore del dipartimento dell’industria e del commercio della città di Can Tho, ha chiesto alle imprese locali di intensificare i negoziati con la Cina per poter incrementare le esportazioni ufficiali nel paese. Allo stato attuale, il numero di imprese locali idonee a vendere riso direttamente in Cina rimane modesto.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI