«IL BIO È SOVVENZIONATO E USA VECCHI PESTICIDI»

Replica della Fidaf al rapporto "Cambia la terra 2018"

A Bologna nell’ambito del salone SANA, è stato presentato il rapporto FEDERBIO “Cambia la terra 2018 – Così l’agricoltura convenzionale inquina l’economia (oltre che il Pianeta)“, sviluppato con contributi specifici di WWF, LIPU, ISPRA, ISDE e Legambiente e disponibile qui: la Fidaf (Federazione italiana dei dottori in agraria e forestali) contesto «il largo spazio che i media hanno riservato a tale rapporto» e pubblica un contro-rapporto accusando i fautori del bio di trascurare «totalmente gli enormi meriti in termini di sicurezza alimentare» dell’agricoltura convenzionale: «il 90% della popolazione mondiale è oggi al di sopra della soglia di sicurezza alimentare contro il 63% del 1971 e il 50% del 1945 (FAO, rapporti vari) e a ciò dobbiamo aggiungere che la vita media a livello globale supera oggi i 70 anni (UN, 2017) e che si è al contempo registrato un crollo della mortalità neonatale passata dai 140 morti per ogni 1000 nati vivi del 1950 ai 40 odierni (FAO, 2018); a ciò si aggiunga  che le 4 grandi commodities che nutrono il mondo garantendo quasi il 70% del fabbisogno calorico dell’umanità (frumento, mais, riso e soia) manifestano lusinghieri incrementi di resa annui del 2-4% (FAO, 2018; USDA, 2018). Il rapporto “Cambia la terra 2018” è invece costantemente dominato da un fervore palingenetico che lo porta a trascurare totalmente i pesanti limiti insiti nella tecnologia del biologico e a proporlo come asse portante dell’agricoltura globale del futuro, con ciò demonizzando le forme più evolute di agricoltura oggi disponibili (agricoltura conservativa, agricoltura integrata)».

Il controrapporto Fidaf evidenzia che:

«- l’agricoltura bio è pesantemente sovvenzionata e i livelli delle sovvenzioni pubbliche sono in continuo aumento

– l’agricoltura bio è insostenibile per la produttività scarsissima e i costi elevatissimi per il consumatore

– l’agricoltura bio non aiuta in alcun modo a combattere il cambiamento climatico e anzi una sua adozione generalizzata lo accentuerebbe in modo vistoso

– l’agricoltura bio fa largo ricorso a “pesticidi”, privilegiando prodotti “vecchi” e tutt’altro che innocui per la salute umana e per l’ecosistema.

– l’agricoltura bio non fornisce al consumatore un prodotto di qualità accertata, verificata e garantita, ma gli  fa pagare un processo produttivo sottoposto a un sistema di controllo sulla cui efficienza è lecito nutrire qualche dubbio, perlomeno fintanto che sarà affidato ad organismi privati pagati dagli stessi soggetti controllati…»

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI