CHI LAVORA CONTRO LE BORSE RISI?

Non c'è solo il progetto delle Cun: molto in alto si lavora perché sia Borsa telematica a gestire tutti gli scambi

SOLDI3Chi vuole le Cun? La partita è complessa. I mediatori sono contrari e lo è anche Confagricoltura. La Cia, attraverso il presidente lombardo Giovanni Daghetta, fa sapere di stare «con chi difende le borse merci, ritenendo questo sistema il più trasparente»: secondo questa confederazione, negli altri settori, le Commissioni uniche si stanno dimostrando poco efficaci e trasparenti, il che sconsiglia un’estensione al riso, che sta già vivendo giorni difficili. Anche la Borsa telematica, poi, non sembra convincere l’organizzazione di Scanavino.

Tutt’altro discorso per Coldiretti, che crede nelle Cun e vorrebbe che governassero anche gli scambi nel nostro settore, e per Airi, dove ci sono due scuole, quella dei Preve, favorevoli al cambiamento, e quella del presidente Mario Francese, più restio a scatenare una guerra con i mediatori, i quali già in passato si erano opposti all’informatizzazione delle contrattazioni. La novità della settimana è che qualcuno lavora affinché le Cun escano dalla porta – magari proprio recependo l’ordine del giorno del Senato, recentemente richiamato da un’interpellanza parlamentare – e la Borsa telematica entri dalla finestra. Chi in passato ha investito nella società Bmti, infatti, vorrebbe che tutte le contrattazioni del risone fossero ricondotte sotto quell’egida. Oggi attraverso la Borsa telematica passano quantità esigue di questo prodotto. A guidare i tifosi di Bmti, secondo un carteggio che circola negli ambienti risicoli, ci sarebbero tuttavia i vertici di enti importanti, i quali, a dispetto del ruolo tecnico che dovrebbero avere, in queste ore stanno premendo in modo esplicito sui risicoltori perché propongano al Ministero delle “alternative” alle Cun che vadano però nella direzione di un cambiamento e cioè dell’abolizione delle borse risi. Il tempo passa, ma noi vi terremo informati.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI