CARRA’: L’ENTE RISI DEVE BREVETTARE IL CARNAROLI RICE

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmail«Quando ero ragazzo, le varietà che si coltivavano erano Europa, Lido, Sant’Andrea, Roma, Baldo e poche altre. Oggi si registrano almeno sette varietà ogni anno. Come si fa a...

libro«Quando ero ragazzo, le varietà che si coltivavano erano Europa, Lido, Sant’Andrea, Roma, Baldo e poche altre. Oggi si registrano almeno sette varietà ogni anno. Come si fa a stargli dietro?» Paolo Carrà fa il risicoltore ma anche il commissario dell’Ente Nazionale Risi, prima ancora ha fatto il presidente e vorrebbe tornare a essere tra alcuni mesi il presidente di questo ente pubblico economico. Al momento è l’unico candidato e il suo curriculum è al vaglio delle commissioni parlamentari. Ha la nomina in tasca, insomma, e infatti inizia a tracciare la rotta del “nuovo” Ente Risi. Partendo dalla riforma della legge sul mercato interno, quella del 1958, che istituì classi e griglie e che adesso il governo vuol rendere ancora più restrittiva (cfr. http://www.risoitaliano.eu/accordo-sulla-riforma-del-mercato-interno/)

Carrà ne parla con Dario Bressanini e Beatrice Mautino, gli autori di “Contro Natura”, il libro edito da Rizzoli su Ogm, bio e altre polemiche agroalimentari. ecco come la pensa il presidente-commissario-(forse)presidente: «Questa soluzione – dichiara nel libro – accontenta tutti. L’agricoltore e soddisfatto perché può coltivare un prodotto agronomicamente più valido e il consumatore si trova rassicurato da un nome che riconosce». Insomma, tutti contenti. Ma proprio tutti. Sicuramente i vertici delle organizzazioni agricole, le quali hanno accettato la bozza che abbiamo divulgato. Compresi i sementieri, che nel libro dichiarano la loro insoddisfazione («fuori dall’Italia sarebbe frode in commercio» indicare sulla scatola il nome della varietà capogruppo e non quello della varietà realmente inscatolata, fa notare Massimo Biloni)

Carrà dunque difende a spada tratta la “sua” riforma (nel senso che l’Ente Risi l’ha scritta, in qualità di organismo tecnico) che secondo gli autori del libro condurrà a una «situazione ancora meno trasparente, per il consumatore, di quella attuale»; Bressanini e Mautino, riportando il contenuto della bozza diffusa da Risoitaliano, riferiscono anzi che «le griglie saranno ridotte e bloccate alle sei tradizionali» e «le varietà ammesse in griglia dovranno obbligatoriamente chiamarsi col nome di riferimento del proprio gruppo. Il Karnak e tutte le altre decine di varietà in griglia non potranno più essere vendute come tali a meno di non uscire dalle griglie e cercare di conquistare il mercato da sole. Tutto il resto potrà essere miscelato e venduto come Tondo, Medio, Lungo A e Lungo B secondo la classificazione commerciale europea».

A Carrà invece piace. Piace a tal punto al presidente-commissario-(forse)presidente che sogna un mondo a misura di Carnaroli. E annuncia in “Contro Natura” il suo piano strategico: «Negli Stati Uniti hanno brevettato il marchio “Arborio Rice” che non contiene ne Arborio ne Volano, ma una loro varietà. A me, per esempio, piacerebbe che l’Ente Nazionale Risi brevettasse il “Carnaroli Rice”, un riso da risotti pensato per il mercato mondiale». (Nella foto grande, a sinistra, Paolo Carrà ritira la pannocchia d’oro) (08.05.2015)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI