«CARO SUPERMERCATO TI SCRIVO»

L'assessore Ferrero si rivolge direttamente alla Gdo per difendere il riso piemontese

L’assessore all’agricoltura del Piemonte Giorgio Ferrero ha scritto una lettera ai responsabili delle catene della grande distribuzione per verificare la prossimità di iniziative comuni per la promozione e la valorizzazione del riso piemontese. La lettera arriva – spiegano in Regione – dopo i buoni risultati raccolti sul latte piemontese con Piemunto, e si propone di attivare una campagna che favorisca la conoscenza presso il consumatore del riso piemontese. Ferrero ricorda «la straordinaria produzione di riso e il grande patrimonio paesaggistico e culturale che vede l’acqua come elemento forte di questo pezzo di pianura padana. Il Piemonte è di gran lunga la regione con la maggior superficie e numero di aziende di tutta l’Unione europea». C’è però un problema: «troppa confusione presente oggi sul mercato genera inganni nei consumatori che spesso credono di acquistare, dietro ai marchi nazionali, sempre produzioni di riso italiano. Purtroppo solo le confezioni che lo evidenziano chiaramente danno la garanzia della provenienza», dichiara l’assessore. Da qui la proposta di una campagna che «indichi i luoghi, la storia, la cultura e le buone pratiche con cui oggi viene prodotto il riso. Come Regione Piemonte siamo disponibili ad accogliere suggerimenti e a concordare iniziative comuni per portare a vera dignità uno dei prodotti più straordinari dell’agricoltura piemontese» osserva Ferrero. La mossa regionale è anche una pressione per accelerare l’iter del decreto sull’etichettatura obbligatoria del riso, difeso da Coldiretti e criticato recentemente dalla Cia. Ferrero si schiera con la prima e chiama in causa la Gdo, un attore decisivo (e interessato) nella crisi del riso, come dimostra un recente studio dei produttori spagnoli. 

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI