BANDO ISI-INAIL

Alle aziende agricole l'Inail riserva 35 milioni di euro

Il 20 dicembre, l’INAIL ha annunciato il nuovo bando ISI-INAIL 2018 che metterà a disposizione delle aziende ben 370 milioni di euro per gli investimenti in sicurezza e salute dei lavoratori. Non ci sarà più lo specifico bando destinato al settore dell’agricoltura, ma per le aziende agricole sono riservati circa 35 milioni di euro, che saranno distribuiti secondo le regole dettate per l’asse numero 5 del bando.

Assi di finanziamento

Il nuovo bando INAIL prevede cinque assi di finanziamento:

  • l’asse 1 è dedicato al finanziamento di progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (182 milioni di euro);
  • l’asse 2 è dedicato al sostegno per progetti di investimento per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) (45 milioni di euro);
  • l’asse 3 è dedicato ai progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (98 milioni di euro);
  • l’asse 4 è dedicato al finanziamento dei progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (10 milioni di euro);
  • l’asse 5 è dedicato al settore dell’agricoltura ed in particolare i progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (35 milioni di euro).

In particolare, per l’asse 5 saranno agevolati l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature che abbiano soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ma anche per ridurre le emissioni rumorose, il rischio di infortuni o quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Aventi diritto e misura del sostegno

Possono accedere al contributo esclusivamente le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese o all’albo delle società cooperative di lavoro agricolo, in possesso dei requisiti di cui all’avviso pubblico ISI 2018 nonché della qualifica di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 del codice civile e titolari di partita IVA in campo agricolo, qualificate come:

  • impresa individuale;
  • società agricola;
  • società cooperativa.

Come per lo scorso anno, le risorse a disposizione per il settore dell’agricoltura sono ripartite in due:

  • agli investimenti svolti dalla generalità delle imprese agricole sono destinati 30 milioni di euro (asse 5.1);
  • agli investimenti svolti dai giovani agricoltori (o da società e cooperative) aventi al suo interno tali soggetti, sono invece destinati 5 milioni di euro (asse 5.2).

Va precisato che il contributo concesso a fondo perduto sarà pari al 40% delle spese sostenute dai destinatari delle risorse di cui all’asse 5.1 (generalità delle imprese agricole), mentre sarà pari al 50% per i soggetti destinatari del sub asse 5.2 (giovani agricoltori).

Il finanziamento massimo erogabile sarà pari a euro 60.000,00 mentre l’importo minimo agevolabile è pari a euro 1.000,00.

Le fasi del bando

Sono diverse le fasi per cui le aziende agricole dovranno passare per poter ottenere il contributo. La prima fase è quella della compilazione della procedura online e della compilazione della domanda sul sito internet dell’INAIL. Tale attività dovrà essere svolta a partire dall’11 aprile al 30 maggio 2019. Successivamente, dovrà essere inviata la domanda online e in una terza fase essa dovrà essere confermata, tramite l’invio della relativa documentazione. Immancabile, come ogni anno, l’attribuzione delle risorse tramite la procedura del click day: saranno quindi i più veloci ad accedere ai contributi.

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI