ANCHE LA CONCIMAZIONE DEV’ESSERE PRECISA

Nuova giornata di studio per il gruppo Sairisi: si è parlato di nutrizione delle piante

La concimazione mirata della coltura è uno dei punti cardine della precision farming. Tuttavia giungere ad una individuazione ottimale delle dosi, delle tempistiche e delle modalità di intervento per effettuare una concimazione ottimale, che valorizzi la massimo il potenziale produttivo nel massimo rispetto dell’ambiente, non è sempre facile. Se ne è parlato alla Giornata Sairisi dedicata appunto alla concimazione di precisione e svoltasi presso la tenuta Pregalbè di Gionzana (Novara). A discuterne, con il coordinamento di Richard Burkinshaw, responsabile del progetto Sairisi (la branca di risicola della piattaforma SAI-Sustainable Agricultura Initiative), del prof. Dario Sacco dell’Università di Torino, e di Marco Romani del Centro Ricerche dell’Ente Risi, una platea di agricoltori, tecnici e rappresentanti di industrie risiere. Alla discussione sono seguite le dimostrazioni di rilievo degli indici di vigore della coltura mediante volo di drone e di distribuzione del fertilizzante azotato sulla base della susseguente mappa di prescrizione con l’utilizzo dell’attrezzatura aziendale costituita da spandiconcime centrifugo a rateo variabile azionato da un trattore dotato di GPS e dispositivo di guida parallela. Secondo i pomotori del progetto Sairisi  per gestire al meglio la concimazione di precisione è opportuno seguire queste regole:

1) valutare preliminarmente i suoli mediante analisi preventive e adozione di metodi di analisi quali soilscan o altre tecnologie ormai presenti sul mercato.

2) predisporre cantieri e tempi di lavoro adeguati (provvedere tempestivamente ai rilievi con drone o satellite tenendo conto dello stadio fenologico della coltura).

3) interpretare i dati raccolti dai rilievi col supporto dell’agronomo, interpolandoli anche con quelli delle serie storiche.

4) impiegare sistemi gps collaudati, garantiti e compatibili con l’utilizzo in campo.

5) verificare a posteriori i risultati raggiunti mediante raccolta dei dati puntuali di produzione e qualita del risone.

6) adottare la guida assistita sulla trattrice per ottenere dati di migliore qualità ed eliminare eventuali “errori umani”. Autore: Marco Sassi

Categorie
Tecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI