VENTOTTO MILIONI AI PRODOTTI LOCALI

Il Piemonte vara il bando sull'agroindustria: 4,8 milioni per i cereali

La Giunta piemontese, su proposta dell’assessore all’agricoltura Giorgio Ferrero, ha deliberato il via al bando del PSR sull’agroindustria, sottomisura 4.2, che sostiene gli investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Il bando, che verrà pubblicato nelle prossime settimane, ha una dotazione di 28,45 milioni di euro, suddivisi nei diversi settori produttivi: 4,8 milioni per i cereali, 4,4 milioni per latte e derivati,  5,5 milioni per le carni, 4,8 per l’ortofrutta, 4,8 per il vino, 1,5 per gli altri prodotti. Verranno finanziati al 40% progetti dal costo dai 300 mila ai 2 milioni di euro, che prevedano il condizionamento, la trasformazione e la commercializzazione all’ingrosso dei prodotti agricoli. Tra  i beneficiari non sono previste le aziende agricole, che possono utilizzare altri bandi, a meno che non trasformino prodotti per due terzi provenienti da altre aziende. «E’ un bando importante, sia per la dotazione finanziaria, sia per i destinatari -spiega Giorgio Ferrero (foto) -. Del resto i due bandi dell’agroindustria varati nel 2016 hanno avuto un notevole successo e hanno distribuito oltre 45 milioni di euro a 84 aziende. Il bando premia tra le altre le aziende che non consumano nuovo suolo, che realizzano risparmio idrico, che privilegiano i prodotti agricoli locali e investono in innovazione tecnologica. E’ insomma uno strumento importante per sostenere le nostre aziende di trasformazione e commercializzazione, il cui sviluppo gioca un ruolo significativo nel futuro del nostro agroalimentare».Autore: Luciano Pellegrini

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI