UN’ANNATA ATIPICAMENTE STERILE

FacebookGoogle+LinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailLa sterilità atipica segnerà il raccolto del riso, quest’anno. Lo segnala l’Ente Risi in uno studio firmato da Maria Luisa Giudici. Non c’entrano le basse temperature: il problema si...

la pannocchiaLa sterilità atipica segnerà il raccolto del riso, quest’anno. Lo segnala l’Ente Risi in uno studio firmato da Maria Luisa Giudici. Non c’entrano le basse temperature: il problema si presenta per ben altri motivi su molte varietà, ibridi compresi, con una prevalenza sul riso S. Andrea della Baraggia. Il responsabile della sterilità atipica non è il clima ma un virus del nanismo  giallo dell’orzo, BYDV, che provoca la produzione di pannocchie «parzialmente o completamente sterili» scrive Giudici su Il Risicoltore. «Questo virus, trasmesso principalmente dall’afide Rhopalosiphum padi, era già conosciuto quale agente causale del giallume del riso, malattia tristemente nota per i gravi danni arrecati negli anni 1970-1980 e recentemente riscontrata di nuovo su diverse varietà di riso, sebbene con una sintomatologia, per alcuni aspetti, non completamente assimilabile a quella osservata in passato» osserva la ricercatrice che annuncia il ritrovamento del giallume «sia nella forma diffusa che nella distribuzione a macchie circolari» tipiche della sterilità atipica. Questa patologia si contrasta con trattamenti aficidi, ma «il ritorno del giallume e l’aumento della sterilità atipica – annota l’autrice dello studio – sono coincisi con una rinnovata e ampia diffusione in fossi e risaie dell’infestante Leersia oryzoides, già nota come principale fonte del virus BYDV. Questo virus, tuttavia, è stato trovato anche in altre piante spontanee quali Poa e Bromus». Anche se servono maggiori studi, i ricercatori dell’Ente Risi sono convinti che per contrastare questa malattia occorra contenere gli afidi e le erbe infestanti non solo nelle risaie e nei fossi, ma anche sugli argini e le ripe. (07.10.14)

Categorie
RisicolturaTecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI