Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

SELENIO ARRIVA A 80

da | 22 Nov 2022 | NEWS

Selenio

Nell’attesa di conoscere i numeri ufficiali relativi alla disponibilità interna, prossimi alla pubblicazione da parte di Ente Risi, i listini si allineano quasi unanimemente ai massimi visti la scorsa settimana (leggi l’analisi dell’ultima seduta a Mortara).

SELENIO A 80 €/Q

L’unica novità in tutte le sedi è Selenio, che raggiunge gli 80 €/q lordi differenziandosi nuovamente dalle altre voci composte da risi tondi. Tra le piccole differenze che si notano tra i listini di Novara, Vercelli e Milano, pubblicati come consuetudine tra lunedì e martedì, si nota il passo avanti del capoluogo lombardo nella valutazione dei lunghi A “di pregio”, quotati 85 €/q lordi. Nelle altre sedi sono proposti a 80, e il passo indietro di Novara per il gruppo S. Andrea, qui a 85 €/q lordi contro i 90 delle altre sedi. Il mercato, in generale, appare bloccato sulle sue tendenze, con un consueto sbilanciamento tra domanda e offerta. La prima è molto recettiva ma la seconda poco propositiva, secondo quanto riferito dagli operatori.

Prossima voce forse interessata da apprezzamenti è il gruppo Roma, essendo molto richiesto Barone, grazie alla sua versatilità in riseria. Sempre più bloccato il mercato degli “indica”, nel quale l’offerta si è fermata in seguito alla voce ventilata nelle scorse sedute di una crescita a 55 €/q lordi, poi disattesa all’atto pratico. Questa valutazione sembra l’obbiettivo minimo per i risicoltori in possesso di risone di questo comparto ma, a causa della probabile maggiore disponibilità interna in relazione al totale e della grande disponibilità estera a costi non esorbitanti come nel recente passato, appare ancora lontana.

LA VALUTAZIONE DEI TONDI È UNA BOLLA?

Nell’attesa di poter consultare il primo bollettino trasferimenti capace di fornire informazioni sulle disponibilità (forse pubblicato proprio oggi, quando vi scriviamo è martedì sera), è interessante riflettere su un dato che emerge dall’ultimo documento sui trasferimenti. Il documento è datato 15 novembre.

La differenza tra il trasferito quest’anno e la media dei due precedenti ad oggi è del 31%. Il dato è in linea con il probabile calo di disponibilità, considerando produzioni e rese. Vi è però un’anomalia se consideriamo il singolo gruppo varietale: i risoni da interno, probabilmente i più penalizzati in campagna, sono stati venduti il 22% meno.

I tondi e lunghi B vedono i trasferimenti in calo rispettivamente del -45% e -25%. Nel primo caso sicuramente e nel secondo probabilmente divergerà dalla reale mancanza di prodotto. Questi numeri potrebbero far presagire difficoltà a mantenere gli attuali livelli di prezzo, in particolare per i tondi. Riguardo a questo gli operatori ci riferiscono che l’aumento delle quotazioni dei tondi è anche dovuta alla poca propensione alla vendita dei produttori più che ad una reale mancanza di merce. Ciò potrebbe portare ad un surplus dell’offerta nel corso della campagna di vendita, quindi ad un calo nei prezzi a listino.

NOVITÀ SUL FRONTE CONSUMI

Altro elemento sul quale ci siamo concentrati come possibile limitatore della domanda in futuro è un calo nei consumi finali di riso. Il fenomeno potrebbe portare i listini ad un arretramento. Su questo tema giungono alcune novità. La prima è negativa, ossia che la grande distribuzione pare aver contratto la sua richiesta di varietà, come Carnaroli, che hanno raggiunto un prezzo difficile da far assorbire al consumo, essendo troppo maggiore rispetto ai prodotti sostitutivi, tra cui anche il riso di varietà meno pregiate.

Buone notizie, invece, arrivano dal Airi, che, attraverso una lettera scritta del presidente Mario Francese al Ministro Lollobrigida (leggi),  sta pressando il Governo per comprendere il riso nella lista dei prodotti alimentari di prima necessità sul quale si pensa di azzerare o ridurre l’Iva temporaneamente. Sempre Airi, nel promuovere un convegno da loro organizzato, che si terrà il 16 dicembre (leggi i dettagli), afferma che il riso italiano sta guadagnando sempre più spazio e gradimento nei consumi.  Autore: Ezio Bosso.

Puoi seguirci anche sui social: siamo presenti su facebookinstagram e linkedin. Se vuoi essere informato tempestivamente delle novità, compila il modulo newsletter e whatsapp presente in home page.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio