REPORT SUL RISO SPAGNOLO

Un documento riassume tutti i numeri e le tendenze del secondo produttore europeo

Il riso è una coltivazione ad alta intensità, ed ha bisogno di elevati investimenti iniziali per la preparazione del terreno e una quantità significativa di capitale circolante per coprire i costi di produzione. In questa fase i bassi prezzi agricoli e la concorrenza dei paesi terzi stanno costringendo i risicoltori spagnoli a passare a colture più redditizie. Le ultime statistiche ufficiali – riportate da un dossier pubblicato dall’Ente Risi – confermano che il calo del riso coltivato in Spagna è proseguito durante la campagna 2016/17; inoltre, alcuni agricoltori hanno preferito spostarsi su varietà Japonica, con quotazioni migliori. L’area ridotta, oltre alle elevate temperature estive, ha influenzato negativamente i livelli di produzione di riso nel 2016. Nonostante il calo complessivo dei consumi, ci sono ancora opportunità per la fornitura di nicchie di mercato sia per i produttori sia per gli esportatori nazionali. 

La maggior parte della produzione di riso dell’Unione europea si concentra nel sud degli Stati membri, vale a dire l’Italia, la Spagna, la Grecia, il Portogallo, la Francia, la Romania, la Bulgaria e l’Ungheria. La Spagna rappresenta quasi il 30 per cento della produzione di riso in Europa, mentre il più grande produttore di riso è l’Italia, con circa il 50 per cento della produzione totale della Ue. La superficie coltivata a riso in Spagna è in calo dal 2011, tranne per le zone di coltivazione tradizionali in quanto non esistono alternative praticabili. Restrizioni nell’uso dei pesticidi, la concorrenza del prodotto di importazione, e un mercato interno altamente competitivo dominato da marchi dei supermercati sono i fattori trainanti questo declino. Nonostante il calo complessivo dei consumi di riso, ci sono opportunità per entrambi i produttori nazionali ed esportatori per la fornitura di nuove nicchie di mercato.

Le principali regioni di produzione del riso in Spagna sono Andalusia, Estremadura, Comunità Valenciana, Catalogna, Aragona, e Navarra. In Spagna, esistono due tipi principali di aree di coltivazione. Le zone di coltivazione tradizionali, dove le alternative al riso sono limitate in quanto la risicoltura in sommersione è un valido oppositore all’acqua salata. In queste aree con elevata salinità, la produzione del riso fornisce effettivi benefici ambientali, in quanto la risicoltura, con i suoi camopi allagati, mantiene l’acqua salatalontano dalla vicina terra fertile. Queste aree tradizionali comprendono le regioni autonome di Andalusia, Comunidad Valenciana e Cataluña. Ci sono poi delle aree di coltivazione non tradizionali, dove la coltivazione riso, a differenza di altre zone dove è richiesta una lunga preparazione dei terreni, è una parte della rotazione delle colture: sono le regioni autonome di Estremadura, Aragona e Navarra.

Mentre la risicoltura è rimasta piuttosto stabile nelle zone tradizionali di coltivazione, in quanto non esistono alternative praticabili, la diminuzione appare costante nelle zone di coltivazione non tradizionali. I prezzi bassi di mercato, a cui si aggiungono gli alti costi di ingresso e l’aumento dei limiti nell’uso di prodotti moderni per la protezione delle colture di riso sono visti come i principali elementi, responsabili per la riduzione dell’area. Il riso è una coltura con elevate esigenze di irrigazione e non c’è stata una carenza di acqua negli ultimi anni; quindi le questioni dell’irrigazione non hanno influenzato le scelte colturali.

La coltivazione del riso in Spagna viene considerata un’attività agricola ad alta intensità a seguito dell’uso di macchinari per livellare il terreno, e il costo delle sementi certificate, dei fertilizzanti, degli erbicidi e dei pesticidi. Il numero ridotto di pesticidi specifici per il riso rappresenta una delle principali sfide del settore del riso. I produttori finiscono per fare affidamento sulla cosiddetta autorizzazione eccezionale per i pesticidi per affrontare i parassiti e gli insetti. 

Le alternative al riso nei settori tradizionali sono limitate. Solo il cotone può essere coltivato in condizioni a rischio di salinità, dove il riso cresce normalmente. Le alternative nelle aree non tradizionali consistono principalmente nel mais o in pomodori destinati alla trasformazione. In alcune zone, il grano di alta qualità potrebbe potenzialmente sostituire il riso.

Nel 2016, le piogge eccessive durante la stagione della semina del riso hanno ritardato le operazioni di semina, in particolare in Andalusia ed Estremadura. Tuttavia, le risaie hanno recuperato senza problemi il tempo perso. L’aumento della temperatura rispetto talla media ha potenziato lo sviluppo delle colture per tutta l’estate, maha  influenzato negativamente i rendimenti nelle regioni produttricidel Sud. Le operazioni di raccolta hanno registrato un ritardo in quelle zone dove le piogge avevano impedito piantagioni nei tempi consueti.

Secondo le ultime stime ufficiali la produzione di riso grezzo della Spagna nel 2016 ha raggiunto le 828.000 tonnellate. Il calo più marcato della produzione rispetto alla riduzione delle aree èparzialmente spiegato con il passaggio verso le varietà Japonica,con un rendimento inferiore all’Indica.

Secondo le statistiche ufficiali i prezzi del risone e del riso lavorato in Spagna sono al di sotto di quelli conseguiti dagli agricoltori e trasformatori di riso in Italia per entrambi i tipi di varietà (Indica e Japonica). Il differenziale di prezzo in tra il riso in Spagna tra Japonica e Indica  ha fatto spostare le semine per molti produttori sulle varietà Japonica, nonostante i rendimenti un po’ più bassi. Secondo il Ministero spagnolo dell’Agricoltura, l’area dedicata al riso Indica nella campagna 2015/16ha rappresentato poco più del 45 per cento della produzione totale, mentre la produzione di riso Japonica è quasi il 55 per cento. I dati relativi alla Spagna per la campagna 2016/17 indicano che la quota di riso è scesa ad appena il 40 per cento, mentre lo Japonica ha registrato un aumento equivalente, pari al 60 per cento delle semine. Lo scopo è quello di reggere la concorrenza agguerrita delle importazioni di riso indica. Di conseguenza, il surplus di grani lunghi Indica sul mercato causato da un aumento delle importazioni è stato trasferito allo Japonica, con un aumento delle risaie di Japonica: questo ha portato ad un aumento della concorrenza interna, e a prezzi più bassi sul mercato spagnolo per questo tipo di varietà. 

Le cooperative agricole gestiscono quasi il 60 per cento della produzione risicola. Tuttavia, la quota di mercato delle Cooperative livello di lavorazione è molto più ridotta, e rappresenta poco più del 15 per cento del processo di confezionamento. La percentuale rimanente del settore industriale è abbastanza concentrata in una manciata di aziende private che forniscono i principali gruppi rivenditori. Secondo fonti industriali, la resa alla lavorazione oscilla tra gli 0,7-0,72, compreso sia il riso sia le rotture. Durante le successive fasi di lavorazione si perde ancora circa il 2 per cento, di conseguenza il tasso generale di resa alla lavorazione si fissa intorno a 0.68-0.7.

Il consumo pro capite di riso ammonta della Spagna a circa 6 Kg all’anno, un po’ sopra la media Ue. Tuttavia, secondo il panel di consumo MAPAMA, i consumi di riso delle famiglie spagnole hanno continuato a diminuire nel corso degli ultimi 5 anni. Le varietà Japonica sono preferite dai consumatori spagnoli per le  caratteristiche di cottura, cioè la  capacità di assorbire i sapori, che le rendono più adatti per la preparazione dei cibi tradizionali. Il consumo di Indica, insieme ad altre varietà di riso non tradizionali e porzioni di riso pronto, continua a crescere a causa dell’adeguamento alle nuove abitudini alimentari, e l’adozione di piatti non tradizionali.

A livello di vendita al dettaglio, il mercato del riso in Spagna è fortemente dominato da grandi gruppi al dettaglio, i cui marchi sonoben consolidati nel mercato che affrontare la concorrenza agguerrita dai private label, che rappresentano quasi il 60 per cento del valoredel consumo totale interno.

La Spagna è un esportatore netto, e la bilancia commerciale in questo settore è nettamente positiva. Le varietà Indica coltivate in Andalusia ed Estremadura sono destinate all’export, mentre quelle tonde, coltivate, per lo più nella zona di Valencia, in Catalogna,Navarra e Aragona sono destinate al mercato internoLa stragrande maggioranza del riso spagnolo è esportato in altri Stati membri dell’Ue. Minore disponibilità interna e una forte concorrenza da parte dei paesi terzi sui mercati comunitari rendono però le esportazioni intracomunitarie sempre più impegnative. La produzione e l’esportazione di riso Indica di Spagna verso altri Stati membri europei (esportazioni dai paesi EBA come la Cambogia e Myanmarè in competizione con i paesi terzi che dipendono in larga misura dalle importazioni. Questo forte concorrenza sta guidandolo spostamento della coltivazione verso varietà Japonica a causa del fattore prezzo.

Le importazioni da paesi terzi come il Pakistan, Cambogia,Thailandia o Myanmar, secondo i dati disponibili da  gennaio a ottobre 2016indicano che le acquisizioni nei primi 10 mesi dell’anno superano del 70 per cento le importazioni del 2015. I paesi EBA come la Cambogia e Myanmar sono visti come una grave minaccia da parte dei produttori di riso spagnoli. Gli Stati Uniti, per contro, non sono tra i principali fornitori di riso nella penisola iberica, anche se le esportazioni verso la Spagna possono contare su una media di oltre 1.100 tonnellate su base annua, e questo livello continua a crescere. Gli Stati Uniti rappresentano dunque un potenziale fornitore in alcune nicchie di mercato, come alcune varietà speciali (Calrose, Giove, riso selvatico). Inoltre, in particolari scenari di mercato, in cui si è verificata una bassa disponibilità interna o una carenza produttiva nei principali paesi fornitori, alcune altre varietà  statunitensi a grana media potrebbero soddisfare la domandaspagnola per il consumo interno. La Spagna potrebbe essere usato anche come base commerciali. Attualmente gli scambi commerciali di riso tra i due paesi sono costituiti per lo più sul codice NCP100630 (semilavorato o riso lavorato).

In Spagna, tra la campagna 2005/06 2011/12, i risicoltori hanno ricevuto un pagamento specifico di 476,25 euro per ettaro per un massimo di 104.973 ettari, con un bilancio totale assegnato dalla Ue di 49.993 milioni di euro. Inoltre, gli agricoltori hanno ricevuto un pagamento unico in base ai livelli di produzione nel periodo di riferimento (anni 2000, 2001 e 2002). A partire dalla campagna 2012/13 i pagamenti diretti sono stati integrati nel regime di pagamento unico. I pagamenti sono stati calcolati sulla base del periodo di riferimento
2007/08 e 2008/09. Nell’ambito dell’attuale regime di Pac (Politica Agricola Comune), in vista della riforma di medio termine, il regime di pagamento unico è stato sostituito dal pagamento di base, che non è specifico per la coltura. Questo sistema è iniziato nell’annata agraria 2015/16. Fonti del settore affermano che, in media, il pagamento di base dei produttori di riso potrebbe ammontare a circa 900 euro per ettaro.

Poiché il riso viene coltivato in sommersione, le aziende risicole non sono tenute a soddisfare la diversificazione delle colture (greening), poiché sono considerate greening conformi, e non necessitano di ulteriori requisiti per poter beneficiare dei pagamenti Pac in questo ambito. Per quanto riguarda il pagamento di base, i risicoltori in Spagna, visto l’elevato rischio di abbandono, hanno diritto a ricevere i pagamenti accoppiati. I fondi stanziati per questo tipo di pagamento specifico per i produttori di riso spagnoli sono pari a 12.206.000 euro per una superficie massima garantita di 122.060 ettari. Nel 2015, solo 108.070,47 ettari  sono stati considerati idonei a ricevere i pagamenti accoppiati. Di conseguenza, il supporto specifico per il riso nel 2015 è stato pari a 112,94 euro/ha. L’importo per ettaro per il 2016 è aumentato fino a 111,7 euro per ettaro come risultato della riduzione complessiva delle superifici.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI