Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

RACCOLTO IN CALO IN PARAGUAY

da | 15 Ago 2021 | Internazionale

Il Paraguay è un importante esportatore di cereali e semi oleosi, principalmente verso i suoi vicini Brasile e Argentina. Rifornisce mercati più lontani, ma la sua posizione senza sbocchi sul mare in Sud America crea costi aggiuntivi rispetto ai suoi concorrenti: il trasporto fluviale è utilizzato per portare il grano ai porti costieri. Lo spiega il rapporto The Rice, a cura di Gaotrade. La produzione 2020-2021 di risone ha raggiunto il 1 milione di tonnellate; le esportazioni potrebbero raggiungere le 610.000 tonnellate base lavorata per l’annata agricola 2021-2022 (marzo – marzo), con un probabile calo del 5% rispetto all’anno passato. La superficie a risaia ha raggiunto i 160.000 ettari (contro 100.000 del 2012). Il consumo dovrebbe diminuire a 100.000 tonnellate nel 2020-21, anche se la pandemia ha creato una forte domanda a livello locale nel 2019-20. Sono oltre 20 le aziende che commercializzano riso in Paraguay, tra cui quattro o cinque grandi gruppi, con condizioni di prezzo e di consumo generalmente stabili. Supermercati, negozi di alimentari e distributori sono i canali di vendita più comuni. Nel 2019 il Brasile ha rappresentato il 74% delle esportazioni di riso insieme ad altri mercati chiave, tra cui Cile, UE e Iraq. Nel tentativo di espandere le sue opportunità di mercato, nonché di ridurre la sua dipendenza dal Brasile, il Paraguay sta cercando di aumentare le esportazioni verso i mercati esistenti, come Costa Rica, Guatemala, Panama e Messico, Paese che ha aperto alle importazioni di riso paraguaiano nel 2017.
L’esportazione di riso (base lavorata) dal 1° gennaio al 30 giugno 2021 ha raggiunto 380.000 tonnellate, in calo rispetto all’anno precedente probabilmente a causa dell’alto costo di nolo dell’Ocean Container e del livello di navigazione del fiume Paranà. Il Paraguay ha decuplicato le sue esportazioni di riso dall’anno solare 2008, sostituendo sia il riso argentino che quello uruguaiano nel mercato brasiliano, rifornito facilmente grazie al trasporto su gomma attraverso la città di Ciudad del Este a Iguazu, sul fiume Paranà al confine con il Brasile; fiume che però sta attraversando una drammatica riduzione della portata, mettendo a repentaglio la disponibilità di acqua per un bacino di 40 milioni di persone. Il riso che viene commercializzato principalmente è greggio. Tutte le principali Riserie sono vicine a questo punto di frontiera, e si trovano alla distanza massima di 300 Km nella zona di Encarnacion. Il Brasile riceve in media più del 65% del totale delle esportazioni di riso del Paraguay, mentre l’Africa occidentale acquista in media 70.000 tonnellate di rottura di riso. Il Messico l’anno scorso è stato il secondo acquirente di riso paraguaiano.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio