Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PROTEZIONISMO E PREZZI ALTI

L’indice dei prezzi alimentari della Fao mostra che i prezzi internazionali del riso sono aumentati per il quinto mese consecutivo, raggiungendo il livello massimo da 12 mesi, secondo gli ultimi dati di maggio pubblicati la scorsa settimana.

EFFETTO DEL CONFLITTO SUI PREZZI ALIMENTARI

I prezzi dei generi alimentari hanno subito un forte incremento negli ultimi mesi. E il riso, un alimento base in gran parte dell’Asia, potrebbe essere il prossimo a seguire questa strada, hanno affermato gli osservatori del settore. I prezzi di molti alimenti, dal grano e altri cereali alla carne e agli oli, sono aumentati vertiginosamente. Ciò è dovuto a una serie di fattori, tra cui l’aumento del costo dei fertilizzanti e dell’energia nell’ultimo anno, nonché la guerra russo-ucraina. Divieti di esportazione di cibo o gravi interruzioni hanno incluso l’India (grano), l’Ucraina (grano, avena e zucchero, tra gli altri) e l’Indonesia (olio di palma). Il riso potrebbe essere il prossimo.

I COSTI DI PRODUZIONE

Certamente, secondo gli esperti, la produzione è ancora abbondante. Ma l’aumento dei prezzi del grano e generalmente i costi più elevati dell’agricoltura mettono sotto pressione anche i prezzi del riso. E se il mercato indica un aumento dei prezzi, non si capisce perché gli agricoltori non dovrebbero beneficiare di questo aumento.

Secondo Nafees Meah, dell’Istituto internazionale di ricerca sul riso, «Dobbiamo guardare i prezzi del riso in futuro, poiché l’aumento dei prezzi del grano potrebbe portare a una qualche sostituzione del riso, con conseguente aumento della domanda e calo delle scorte esistenti», ha aggiunto Sonal Varma, capo economista della banca giapponese Nomura. Varma ha aggiunto che le misure protezionistiche stanno «aggravando in realtà le pressioni sui prezzi a livello globale per una serie di ragioni». I costi dei mangimi e dei fertilizzanti per l’agricoltura stanno già aumentando e i prezzi dell’energia stanno facendo salire i costi di trasporto.

COSA FANNO INDIA E CINA?

«Quindi c’è il rischio che vedremo più protezionismo da parte dei diversi paesi», ha sottolieneato Varma. Tuttavia, ha affermato che i rischi per il riso sono ancora bassi poiché le scorte globali sono abbondanti e i raccolti in India dovrebbero essere buoni quest’estate. E crea preoccupazione l’idea che la stessa India pensi a porre un divieto di export per il riso, mentre, al contrario, erano attesi quelli di grano e zucchero: lo ha affermato alla Cnbc David Laborde, ricercatore capo presso l’International Food Policy Research Institute.

India e Cina sono i due maggiori produttori mondiali di riso, rappresentando più della metà del totale mondiale, secondo il World Economic Forum. Il Vietnam è il quinto più grande, mentre la Thailandia è al sesto posto. A maggio l’India ha imposto divieti all’esportazione di grano, adducendo la necessità di gestire la sicurezza alimentare generale del Paese. Ha anche imposto restrizioni allo zucchero pochi giorni dopo. Laborde ha affermato che un aumento dei prezzi sarebbe di gran lunga preferibile a qualsiasi divieto di esportazione.

«Dovremmo davvero distinguere tra un aumento dei prezzi che compensa i costi più elevati e che andrà a beneficio degli agricoltori (e li aiuterà a produrre) e un divieto di esportazione» che aumenta i prezzi sui mercati mondiali ma abbassa i prezzi sui mercati interni, ha affermato. Nafees Meah, rappresentante regionale per l’Asia meridionale presso l’International Rice Research Institute, ha aggiunto che i costi energetici, in aumento a livello globale, rappresentano gran parte dei costi di produzione del riso.

REDDITO DEGLI AGRICOLTORI E SICUREZZA ALIMENTARE

«Quindi se il mercato indica un aumento dei prezzi, perché gli agricoltori non dovrebbero beneficiarne?», ha aggiunto, Ma un aumento dei prezzi del riso pregiudicherebbe gravemente il sostentamento di milioni di persone in Asia, continente che è il maggior consumatore dell’alimento di base. «Quindi nel sud-est asiatico e nella regione del Pacifico, paesi come Timor Est, Laos, Cambogia e, naturalmente, luoghi come l’Indonesia, dalla popolazione molto numerosa e con problemi di sicurezza alimentare, saranno colpiti molto duramente se i prezzi continueranno di salire e rimanere a questi livelli molto alti», ha ribadito Nafees.

PREZZI SU DEL 75%

L’indice dei prezzi alimentari delle Nazioni Unite ha mostrato che i prezzi sono ora superiori del 75% rispetto ai livelli pre-pandemia, secondo Frédérique Carrier, amministratore delegato e responsabile della strategia di investimento di Rbc Wealth Management. «La carenza di manodopera legata alla pandemia e l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno peggiorato la situazione sia riducendo le scorte di cibo sia facendo aumentare ulteriormente i prezzi dell’energia», ha scritto in un rapporto a giugno. Circa un terzo dei costi di produzione alimentare sono legati all’energia, ha affermato Carrier. I fertilizzanti, in particolare, sono molto energivori da produrre e i prezzi sono saliti alle stelle rispetto allo scorso anno.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio