PARAGUAY DA RECORD

Cresce del 28% la produzione di riso nello stato americano
Il raccolto risicolo del Paraguay cresce a ritmo record: lo conferma Nathan Childs, del Dipartimento di Stato americano per l’agricoltura. «Dieci anni fa non avrei nemmeno nominato la sua produzione: ma oggi è aumentata di 141 mila tonnellate, pari al 28% rispetto all’anno scorso, quando invece il risultato non è stato eccellente. Ma valutando i dati su scala decennale, si conferma una notevole espansione, tutta destinata all’export». L’area dove è avvenuta l’espansione è quella, fertile e irrigata, intorno al rio Paranà: la città Carmen de Paranà si fregia del titolo di «capitale del riso». Lo Stato è autosufficiente, in termini di consumo interno, e dunque il surplus generato viene destinato tutto all’estero. L’area coltivata nel 2015/2016 ammonta a 125.000 ettari: il settore comunque, a causa dei bassi prezzi a livello internazionale, continua a restare sotto pressione, come molti Paesi esportatori.
I dati sono confermati: fino al 2006 la produzione era ferma a 87 mila tonnellate, ma è poi rapidamente cresciuta passando alle 97 mila del 2007, poi alle 147 mila del 2008, con il primo balzo in avanti del 51%, passando alle 211 del 2009 (+43%). L’aumento si è consolidato nel 2010, con un ulteriore + 29%, a toccare le 273 mila tonnellate. Dopo qualche anno di stasi un altro salto in avanti nel 2013, quando grazie a +45% è arrivata a quota 398 mila tonnellate, seguite da un altro anno di crescita con +34%, che l’ha portata a 523 mila tonnellate, dato superato solo dal raccolto 2017. Risultato in calo invece nel 2015 (-8,4% a 479 mila tonnellate) e stabile nel 2016, con +0,6% a 482 mila tonnellate. Ora lo scatto con queste ulteriori 141 mila tonnellate, che porta il risultato intorno alle 623 mila tonnellate.
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI