Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

L’INDIA INVESTE SUI PORTI

da | 28 Set 2021 | Internazionale

LIndia potrebbe rappresentare fino al 45% delle esportazioni globali di riso nel 2021: l’espansione della capacità di movimentazione dei porti permette a Nuova Dehli di spedire volumi record agli acquirenti in Africa e in Asia, secondo quanto riportato da Gaotrade, nel suo rapporto settimanale The Rice.

Il primo esportatore mondiale potrebbe esportare fino a 22 milioni di tonnellate di riso quest’anno, ovvero un quantitativo maggiore delle esportazioni combinate dei prossimi tre maggiori esportatori, Thailandia, Vietnam e Pakistan, ha confermato Nitin Gupta, vice presidente del business del riso di Olam India, che ha ribadito come oltre agli acquirenti tradizionali, quest’anno anche Cina, Vietnam e Bangladesh stanno acquisendo riso dall’India.

Le esportazioni dell’India nel 2020 sono balzate del 49% rispetto all’anno precedente, raggiungendo il record di 14,7 milioni di tonnellate, mentre le spedizioni di riso non-basmati sono salite del 77%, raggiungendo il record di 9,7 milioni di tonnellate.

L’India è sulla buona strada per dominare il commercio globale di riso nel 2021, poiché la nuova capacità portuale aumenta il potenziale di spedizione.  Nel 2021, le spedizioni di riso non-basmati potrebbero quasi raddoppiare rispetto a un anno fa fino a raggiungere 18 milioni di tonnellate, mentre le esportazioni di riso basmati premium sono viste stabili a 4 milioni di tonnellate

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti prevede esportazioni globali di riso per 48,5 milioni di tonnellate nella stagione 2021-22.

India: esportazioni e prezzi del riso

Il riso indiano è  rimasto costantemente ad un livello di prezzo più basso dei rifornimenti dalla Tailandia e dal Vietnam dallo scorso marzo, mentre la domanda globale di riso ha scalato i livelli record. I prezzi di esportazione del riso indiano mantengono un forte divario di presso rispetto alle forniture dal sud-est asiatico dall’inizio del 2020.

Tuttavia, le infrastrutture limitate a Kakinada Anchorage, il principale porto indiano per il riso, hanno portato l’anno scorso a una persistente congestione e a lunghi ritardi nel carico, spingendo alcuni acquirenti a cambiare fornitore. L’India offriva uno sconto di più di 100 dollari per tonnellata rispetto agli altri esportatori, ma gran parte dello sconto è stato cancellato dalle maggiori spese di controstallia legate al ritardo.

Per alleviare la congestione, lo stato meridionale dell’Andhra Pradesh a febbraio ha permesso l’uso di un porto adiacente in acque profonde a Kakinada per le spedizioni di riso.

L’associazione degli esportatori di riso dell’India  conferma che con questa nuova possibilità il periodo di attesa delle navi è diminuito, dopo che il porto di acque profonde ha iniziato a gestire il riso. La domanda che avrebbe potuto essere spostata in altri paesi è rimasta in India, che ha quindi esportato 12,84 milioni di tonnellate di riso nei primi sette mesi del 2021, il 65% in più rispetto a un anno fa, secondo i dati provvisori del ministero del commercio.

Almeno un milione di tonnellate di riso sarà spedito dal porto di acque profonde nel 2021, ha detto M Muralidhar, direttore operativo di Kakinada Seaports.

Tuttavia, nonostante la capacità extra del porto, il tasso di carico di Kakinada ancora rimane ben al di sotto dei porti del sud-est asiatico a causa di una mancanza di infrastruttura dedicata alla manipolazione del riso.

A Kakinada serve quasi un mese per caricare circa 33.000 tonnellate di riso dal momento in cui viene gettata l’ancora, mentre in Tailandia bastano 11 giorni per la stessa quantità, come conferma il capitano di una nave che stava caricando riso a Kakinada questo mese. Un problema che si è ancora più acuito da quando è iniziato l’incremento dei costi di trasporti via mare. Kakinada potrebbe esportare 2 milioni di tonnellate supplementari di riso se l’infrastruttura fosse migliorata ed il processo meccanizzato.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio