Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

«L’IMPORT CRESCERÀ»

da | 17 Ott 2021 | Internazionale

RISO

L’Unione Europea non è autosufficiente per quanto riguarda la produzione di riso. Lo sottolinea Gaotrade. Circa il 60% della domanda è soddisfatta dalla produzione interna, ma questo porta alla necessità di importare 1,8 milioni di tonnellate di riso integrale e lavorato.

L’Ue si aspetta che la domanda di riso importato cresca fino al 2030. Nel corso del prossimo decennio l’importazione aumenterà di circa 250.000 tonnellate, fino a 2.100.000 tonnellate. Questo volume riguarda solo l’Ue-27, non il Regno Unito.

Con una media di 6 kg pro capite all’anno, il consumo di riso in Europa è molto inferiore alla media mondiale di 54 kg pro capite. Il consumo annuale pro capite di riso lavorato varia da 3,5 a 5,5 kg nei paesi non coltivatori di riso dell’Europa settentrionale a 6-18 kg nell’Europa meridionale.

Il riso consumato tradizionalmente in paesi come la Spagna e l’Italia tende a consistere principalmente in varietà di riso locali. Nei paesi europei non produttori, i consumatori non sono legati a particolari varietà di riso e sono quindi più aperti a nuove varietà di riso e a specialità di riso.

Rottura di riso

La rottura di riso è un sottoprodotto della lavorazione del riso. Molti consumatori europei considerano la rottura di riso inferiore, ma i consumatori tradizionali o asiatici lo apprezzano di più come un riso accessibile con proprietà di cottura rapida e di assorbimento dei sapori. Le rotture di riso (non speciali) sono usate anche per prodotti che implicano un’ulteriore lavorazione, come cereali da colazione, cibo per animali, birre, amido e farina.

Il basmati è la varietà di riso più popolare: questo riso aromatico è diventato una varietà popolare tra molti consumatori europei. Il basmati di alta qualità può essere conservato e invecchiato per ottenere un sapore migliore prima di essere venduto sul mercato.

L’Europa ha importato 371.000 tonnellate di riso basmati nel 2019/2020 e questa cifra si avvicinerà a 400.000 tonnellate nel 2020/2021 (il 68% era di origine pakistana).

Gli ultimi dati non sono completi a causa dell’esclusione del Regno Unito, il più grande acquirente di basmati. I Paesi Bassi e il Regno Unito sono i maggiori importatori, seguiti da Italia, Belgio e Francia.

A causa dei problemi commerciali e delle sanzioni in Iran, uno dei principali acquirenti di basmati, più riso basmati è stato inviato ad altre destinazioni, compresa l’Europa. E nonostante i problemi logistici dovuti alla pandemia, l’Europa ha importato un volume record di questa varietà di riso; la domanda europea di basmati dovrebbe rimanere forte.

L’Italia produce principalmente riso Japonica. Nel 2019, la produzione japonica ha raggiunto quasi 1,1 milioni di tonnellate, mentre sono state prodotte meno di 400.000 tonnellate di varietà Indica. Ciò si traduce in un volume totale di riso lavorato di circa 900.000 tonnellate.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio