Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

L’ESERCITO IN RISAIA

da | 15 Set 2021 | Internazionale

esercito in vietnam

Secondo l’agenzia Bloomberg, in Vietnam è dovuto intervenire l’esercito per completare il raccolto, a causa delle restrizioni conseguenti all’epidemia da Covid 19. Le esportazioni sono in netto calo.  Nguyen Q H, direttore di uno dei più grandi esportatori e trasformatori di riso nella provincia del Delta del Mekong di Long An, conferma le difficoltà nella gestione del trasporto delle merci, come sottolinea Gaotrade nel suo rapporto settimanale The Rice, disponibile online. Il manager vietnamita ricorda che li ordini dei partner stranieri sono ancora in aumento, ma il trasporto è bloccato a causa delle strette restrizioni sociali in tutto il paese, soprattutto nelle città e nelle province del sud. Quindi, ha spiegato, per consegnare una spedizione dal magazzino dell’azienda al porto, vanno superati tutta una serie di punti di controllo in diverse località, e l’applicazione delle regole di distanziamento sociale sono diverse in ognuna.

Nella provincia di Dong Thap, nel delta del Mekong, solo 49 dei 139 impianti di lavorazione del riso sono autorizzati all’apertura  e devono operare al 50% o un terzo dei loro lavoratori.

Quando le spedizioni vengono consegnate al porto, non possono caricare le merci a bordo delle navi a causa della mancanza di facchini.  Secondo la Vietnam Food Association, il 95% del riso prodotto nel delta del Mekong viene trasportato per via d’acqua, quindi questa soluzione aiuterà gli esportatori a mantenere la catena di approvvigionamento per la vendita all’estero.

Esportazioni di riso dal Vietnam: gli ultimi dati

La Vfa ha ribadito che nella prima metà di agosto, le esportazioni di riso dal Vietnam hanno raggiunto 192.706 tonnellate, con un valore di oltre 95,1 milioni di dollari Usa, in calo del 23,02% in volume e del 24 82% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

In totale, le esportazioni di riso del Vietnam dall’inizio dell’anno al 15 agosto hanno raggiunto 3.686 milioni di tonnellate, con un valore di 1,983 miliardi di dollari, in calo del 13,31% in volume rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Secondo il Ministero dell’Industria e del Commercio, solo i moli 125 Tan Cang Cat Lai (Hcmc) e Tan Cang Nhon Trach (Dong Nai) sono ancora in funzione per consentire l’imballaggio del riso tramite container.  Tuttavia, la capacità di imballaggio di questi due porti è anche inferiore rispetto al passato, almeno fino alla fine di settembre 2021.