LE MIETITREBBIE FREMONO A MANTOVA

La Coldiretti fa il punto: cresce l'ettarato a riso, ma il raccolto è in ritardo

È conto alla rovescia per la raccolta del riso in provincia di Mantova, dove si coltivano circa 1.300 ettari tra Vialone Nano e Carnaroli, su un totale di oltre 221.000 ettari in Italia, prevalentemente concentrati al Nord e in crescita di circa il 2%, stima Coldiretti Mantova, rispetto alla stagione precedente. «Abbiamo appena iniziato la trebbiatura e per avere un quadro più preciso dobbiamo attendere qualche giorno – afferma Andrea Casarotti, 30 ettari coltivati a riso a Canedole, tra Vialone Nano e Carnaroli -. Siamo tra i primi, perché molti hanno seminato tardi e il prodotto non è ancora maturo».

Ritardi

La stagione è stata caratterizza da forti ritardi causati dal maltempo di maggio, che ha difatti rallentato le semine, facendole slittare anche di tre o quattro settimane. «Inizieremo la trebbiatura questa settimana prossima – afferma Francesco Parise di Porto Mantovano – e la qualità del prodotto si presenta buona, anche se rimane l’incognita delle quantità». A parte il clima pazzo di maggio, che ha costretto a posticipare le semine, nel corso della stagione non si sono verificati nelle zone di coltivazione del riso eventi calamitosi o casi gravi di maltempo. Tuttavia, l’estate è stata molto calda, con escursioni termiche fra giorno e notte contenute.

Stagione “assurda”

Nicola Valli, risicoltore di Barbassolo, parla di «andamento stagionale assurdo, che ha portato ad avere ritardi di un paio di settimane anche sulla raccolta, che per noi partirà almeno i primi di ottobre». Fra le incognite, due in particolare preoccupano il settore: i prezzi e l’accordo di libero scambio fra Unione europea e Paesi del Mercosur. «Per il Carnaroli le quotazioni si aggirano sui 420 euro alla tonnellata, mentre per il Vialone Nano siamo sui 450-480 euro – rileva Casarotti -. Per avere una remunerazione appena soddisfacente dovremmo arrivare almeno a 600 euro». L’accordo prevede la possibilità progressivamente di esportare ogni anno 60mila tonnellate a dazio zero in Europa. «Non possiamo correre il rischio di affossare una coltura che ha tradizioni centenarie sul territorio mantovano – spiega Paolo Carra, presidente di Coldiretti Mantova -. Servono regole chiare, etichettatura che certifichi l’origine e regole comuni per la coltivazione». (Fonte: Coldiretti)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI