LA CAMBOGIA REAGISCE ALLA CLAUSOLA

Gli esportatori contestano la decisione europea e cercano di scongiurare la revisione delle esenzioni EBA

La Cambodian Rice Federation (CRF) ha annunciato di voler controbattere all’offensiva europea sulla scena internazionale. Contesta le tariffe imposte dall’Ue sulle esportazioni di riso cambogiano, affermando che la decisione farà perdere la competitività al Regno e comprometterà la sua capacità di autosostenersi. E’ stata dunque immediata la reazione all’adozione della clausola di salvaguardia (leggi l’articolo): gli esportatori di riso cambogiano cercano soprattutto di evitare che l’Ue modifiche il sistema di preferenze generalizzate e chiuda per sempre la fase delle esenzioni daziarie. Secondo la dichiarazione della Crf, l’imposizione di tariffe doganali sul riso cambogiano da parte dell’Ue è una mossa “regressiva”. «La decisione di imporre i dazi è avvenuta  troppo rapidamente, il riso cambogiano avrà bisogno di più tempo per essere abbastanza forte da competere completamente contro altre nazioni», afferma una nota della Federazione cambogiana. La dichiarazione non ha delineato in dettaglio le procedure da intraprendere per la procedura contro l’Ue e nel comunicato si dice che la Cambogia troverà il modo di ridurre i costi di produzione in tutto il settore del riso per far fronte al colpo finanziario.

Anche un marchio di qualità

Tra gli obiettivi dei produttori cambogiani c’è anche la costruzione di un marchio di qualità per il riso aromatico di fascia alta, Angkor Malis, da proporre sul mercato internazionale. Il costo dell’introduzione dei dazi sarà pari a circa 53 milioni di dollari nel primo anno, sulla base dei quantitativi che il Regno ha esportato nell’Ue lo scorso anno. Intanto, l’UE ha avviato il processo che potrebbe portare alla sospensione temporanea dell’accesso preferenziale della Cambogia al mercato UE nell’ambito del programma commerciale Everything But Arms (EBA). Le preferenze EBA possono essere rimosse se i paesi beneficiari non rispettano i diritti umani fondamentali e diritti del lavoro: esattamente ciò che viene addebitato alla Cambogia. L’avvio della procedura di recesso temporaneo non comporta una rimozione immediata delle preferenze tariffarie, che sarebbe l’opzione di ultima istanza. Invece, dà il via a un periodo di monitoraggio e coinvolgimento intensi.

La revisione dell’Eba

L’alto rappresentante per gli affari esteri e il vicepresidente della Commissione europea, Federica Mogherini, ha dichiarato: «Negli ultimi diciotto mesi abbiamo assistito al deterioramento della democrazia, al rispetto dei diritti umani e dello stato di diritto in Cambogia. I ministri degli affari hanno chiarito quanto seriamente l’Unione europea consideri questi sviluppi: negli ultimi mesi le autorità cambogiane hanno adottato una serie di misure positive, tra cui il rilascio di personalità politiche, attivisti della società civile e giornalisti e il trattamento di alcune delle restrizioni alla società civile e al commercio attività sindacali.Tuttavia, senza un’azione conclusiva da parte del governo, la situazione sul campo chiama in causa la partecipazione della Cambogia al piano EBA. In quanto Unione europea, ci impegniamo a mantenere una partnership con la Cambogia per il popolo cambogiano. per la democrazia e i diritti umani nel paese è al centro di questa partnership».

Tutto da decidere

Cecilia Malmström, commissaria europea per il commercio, ha detto: «Dovrebbe essere chiaro che la mossa odierna non è né una decisione finale né la fine del processo, ma ora è partito il count down, e intendiamo vedere presto un’azione reale. Si tratta di un processo di valutazione in cui siamo pronti a impegnarci pienamente con le autorità cambogiane e a collaborare con loro per trovare una soluzione. Quando diciamo che la politica commerciale dell’UE si basa sui valori, queste non sono solo parole vuote, visto che parliamo di uno dei mercati più aperti al mondo per i paesi meno sviluppati e le prove dimostrano che esportare nel mercato unico dell’UE può dare un enorme impulso alle loro economie. Tuttavia, in cambio, chiediamo che questi paesi rispettino alcuni principi fondamentali. L’indagine in Cambogia ci ha portato a concludere che ci sono gravi carenze quando si tratta di diritti umani e diritti dei lavoratori, temi che il governo deve affrontare se vuole mantenere l’accesso privilegiato del suo paese al nostro mercato».

Il 99% è esente

Dopo un periodo di impegno rafforzato, compresa una missione di inchiesta in Cambogia nel luglio 2018 e successivi incontri bilaterali al più alto livello, la Commissione ha concluso che vi sono prove di gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani fondamentali e dei diritti dei lavoratori in Cambogia, in particolare dei diritti alla partecipazione politica e delle libertà di riunione, espressione e associazione. Questi risultati si aggiungono alle preoccupazioni di vecchia data della UE sulla mancanza di diritti dei lavoratori e controversie legate alle concessioni di terreni nel paese.  Ora ci sarà un periodo di sei mesi di monitoraggio e impegno intensi con le autorità cambogian, seguito da un altro periodo di tre mesi affinché l’UE produca una relazione basata sui risultati; dopo un totale di dodici mesi, la Commissione concluderà la procedura con una decisione definitiva sull’opportunità o meno di revocare le preferenze tariffarie; è anche in questa fase che la Commissione deciderà la portata e la durata del ritiro. Qualsiasi revoca entrerebbe in vigore dopo un ulteriore periodo di sei mesi. Le esportazioni di prodotti tessili e calzature, alimenti preparati e prodotti vegetali e biciclette rappresentano il 97% delle esportazioni complessive della Cambogia verso l’UE nel 2018. Delle esportazioni totali di 4,9 miliardi di euro, il 99% ha ottenuto le esenzioni Eba. Autore: Manuela Indraccolo

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI