Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

IN VENETO BANDI PSR PER 89 MILIONI

da | 27 Dic 2016 | Norme e tributi

Il Bollettino ufficiale della Regione Veneto pubblica oggi i nuovi bandi di finanziamento per lo sviluppo rurale del Veneto:  7 le misure a bando, per un totale di 15 tipi d’intervento e 89 milioni di euro di risorse complessivamente attivate. La Giunta Regionale ha così attivato alcune delle misure del Programma di sviluppo rurale 2014-2020, dopo il parere positivo espresso dalla Terza commissione del Consiglio  Regionale.

Gli ambiti finanziati sono: investimenti aziendali (40 milioni di euro, di cui 10 per le aziende delle zone montane), insediamento dei giovani agricoltori (15 milioni, di cui 3,7 per chi opera in zona montana), cooperazione per l’innovazione (12,5 milioni), formazione professionale e informazione (6 milioni), investimenti per aumentare la resilienza delle foreste (6 milioni), recupero e riqualificazione degli spazi aperti montani (4,5 milioni), interventi di conservazione e uso sostenibile delle risorse genetiche (2,5 milioni), promozione dei prodotti di qualità (1 milione).

Tutti gli interventi sono cofinanziati dall’Unione Europea, attraverso il fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr), dallo Stato italiano e dalla Regione del Veneto.

I termini per presentare le domande d’aiuto all’organismo pagatore Avepa dipendono dalla tipologia di intervento e variano dai 30 ai 105 giorni a partire dalla data odierna di pubblicazione nel Bur.

«Il Programma di sviluppo rurale del Veneto – commenta l’assessore all’Agricoltura Giuseppe Pan – è il primo programma di sviluppo rurale per spesa assoluta in Italia. Dal monitoraggio condotto dalla Rete Rurale Nazionale risulta che, nel 2016, il Veneto ha potuto contare sulla migliore capacità di spesa (pagamento ai beneficiari) del panorama nazionale. Nel corso del 2016 sono stati realizzati ulteriori cinque bandi su 21 tipi di intervento a favore di quasi 15.000 beneficiari, arrivando ad utilizzare le risorse del PSR per complessivi 577 milioni».