IL VIRUS RIVOLUZIONA I MERCATI DEL RISO

Le ripercussioni dell'emergenza sugli scambi di riso in Asia
RISAIA IN VIETNAM

La pandemia da Covid 19 sta avendo ripercussioni anche sui mercati internazionali del riso: recentemente, i prezzi all’esportazione del riso tailandese sono saliti ai massimi livelli mai toccati da sette anni, in base alle aspettative di un aumento delle vendite dopo che l’ex esportatore indiano è entrato in un blocco per frenare la diffusione del virus corona e il principale rivale, il Vietnam, ha temporaneamente vietato nuovi contratti di esportazione. Il riso thailandese bianco a grana lunga con rottura 5% è stato quotato intorno ai $ 560- $ 570 per tonnellata all’inizio di aprile, il suo livello più alto da aprile 2013.

Thailandia

«La situazione in Vietnam, India e Cambogia ci ha preparato per gli imprevisti, quindi i prezzi del riso thailandese stanno salendo – ha affermato un commerciante di Bangkok – Dove si andrà a comprare adesso se non dalla Thailandia?» La Cambogia ha dichiarato che intende vietare le esportazioni di riso bianco a grani lunghi e risone per garantire la sicurezza alimentare locale durante la pandemia. I prezzi tailandesi sono dunque balzati da $ 468- $ 495 per tonnellata quotata in base alla prospettiva che le Filippine potrebbero dover ricorrere alle importazioni di riso thailandese per raggiungere il loro obiettivo di 300.000 tonnellate. Ma successivamente il principale acquirente di riso al mondo, le Filippine, hanno affermato di aver garantito l’impegno del Vietnam per la fornitura continua di alimenti di base. L’annuncio è arrivato anche quando il Vietnam ha vietato la firma di nuovi contratti di esportazione nell’ambito di una revisione per garantire che le forniture interne fossero sufficienti durante l’epidemia. «Stiamo ancora aspettando la decisione finale del primo ministro di revocare il divieto in modo da poter riprendere le spedizioni di riso poiché le disponibilità interne sono abbondanti», ha ribadito un commerciante di Ho Chi Minh City. Nel frattempo il primo ministro in questi giorni ha chiesto al ministero del Commercio di presentare a breve un piano di esportazione, poiché le spedizioni devono essere controllate per garantire la sicurezza alimentare nazionale, secondo quanto risulta da una notizia pubblicata sul sito web del governo.
Il Myanmar ha inoltre affermato che potrebbe ridurre le esportazioni per evitare carenze interne. «I paesi stanno solo operando con molta cautela – ha dichiarato il referente della Fao a Bangkok – Vogliono solo assicurarsi di avere abbastanza scorte per le proprie popolazioni». Anche gli importatori preferiscono non correre rischi.

Myanmar

Come abbiamo annunciato, il Myanmar ha smesso di rilasciare licenze di esportazione del riso in seguito alla dichiarazione del coronavirus come pandemia, ma onorerà le licenze esistenti, ha affermato il capo di un gruppo industriale qualche giorno fa, mentre i commercianti locali hanno avvertito che l’accaparramento potrebbe minacciare l’offerta interna.

Vietnam

Il Ministero dell’Industria e del Commercio ha proposto di consentire la ripresa delle esportazioni di riso, ma con rigorosi limiti mensili, allo scopo di mantenere l’ingresso del maggior flusso di denaro possibile nel paese durante la crisi del virus corona, garantendo contemporaneamente la sicurezza alimentare. Secondo i rapporti del Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale, quest’anno sono state esportate circa 6,5 ​​milioni di tonnellate di riso, ma il ministero del commercio ha suggerito che il primo ministro Nguyen Xuan Phuc approvasse circa 800.000 tonnellate di esportazioni aggiuntive tra aprile e maggio; il ministero controlla rigorosamente il volume delle esportazioni. Secondo i media statali del Vietnam, a partire da mercoledì scorso sono stati registrati 218 casi confermati di COVID-19 nel paese, senza morti.

Cambogia
Questo Paese ha sospeso tutte le esportazioni di riso bianco e risone dal 5 aprile per garantire forniture interne durante la pandemia di Covid-19. Il primo ministro Hun Sen ha dichiarato che si tratta di una strategia preventiva, importante durante un’emergenza, poiché Covid-19 si stava diffondendo in molti paesi, compresa la Cambogia. Resta però consentita l’esportazione di riso aromatico, il cui mercato locale può contare su una domanda più contenuta. Al momento di fermare le esportazioni, Hun Sen ha dichiarato che il governo consentirà ai commercianti e ad altri che hanno già acquistato il risone e che sono pronti ad esportare in Thailandia e Vietnam di farlo. Il vicepresidente della Cambodian Rice Federation (CRF), Chan Sokheang, ha dichiarato che le misure del governo che puntano a sospendere le esportazioni di riso bianco e risone dovrebbeo contribuire a che la Cambogia mantenga una forte scorta per il mercato interno. Tuttavia, ha affermato, la sospensione delle esportazioni di riso bianco ha influito anche sugli ordini da alcuni paesi. «Questa è una situazione che chiamiamo forza maggiore, pertanto alcuni accordi verranno annullati». Secondo Sokheang, il riso bianco rappresentava in media circa il 20% delle esportazioni , mentre il riso aromatico era dell’80%. L’anno scorso, le esportazioni cambogiane di riso hanno raggiunto un valore di circa 501 milioni di dollari, in calo del 4,3% rispetto ai 524 milioni di dollari nel 2018, secondo un rapporto del CRF. Secondo i dati del Ministero dell’agricoltura, la Cambogia aveva esportato 214.612 tonnellate di riso fino al 25 marzo. La Cina ha acquistato 94.060 tonnellate, l’Unione Europea 62.998 tonnellate, i paesi Asean 27.937 tonnellate, seguiti da  altre destinazioni (29.617 tonnellate). L’anno scorso, le esportazioni di risone hanno raggiunto 620.106 tonnellate, in calo dello 0,97 per cento rispetto alle 626.225 tonnellate del 2018. I dati hanno mostrato che le esportazioni verso la Cina rappresentavano il 40,73 per cento pari a 248.105 tonnellate e il mercato europeo ha raggiunto il 32,01 per cento, ovvero 202.990 tonnellate. Le esportazioni verso i paesi Asean rappresentavano il 13,41 per cento o 83.164 tonnellate e altre destinazioni al (13,84 per cento) o 85.847 tonnellate.(Fonte: Gaotrade)
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI