IL RISO ITALIANO? UN BUSINESS

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmail Faccia a faccia con i signori del riso. Martedì a Pavia si sono incontrati Antonio Hernandez Callejas, presidente di Ebro Foods (foto piccola), e Dario Scotti, presidente di...

Antonio Hernandez CallejasFaccia a faccia con i signori del riso. Martedì a Pavia si sono incontrati Antonio Hernandez Callejas, presidente di Ebro Foods (foto piccola), e Dario Scotti, presidente di Riso Scotti (foto grande), che ha ceduto nel 2013 il 25% delle quote al socio spagnolo. Avvenire in edicola oggi li intervista. Tra l’altro, Hernandez spiega perché convenga comprare made in Italy: «Chi entra in una società italiana come la Scotti acquista la “legittimità” di proporre al mercato un prodotto di qualità – dichiara al quotidiano -. Con Riso Scotti, ad esempio, vogliamo esportare nel mondo il risotto: bisogna educare gli altri popoli a cucinarlo, certo, ma la cultura e la tecnologia sviluppata a Pavia ci permetteranno di diventare leader mondiali anche in questo campo». Scotti, dal canto suo, dice al giornale cattolico che l’operazione «punta ad ottimizzare i propri processi industriali e ad aprire nuovi canali commerciali. Nel nostro caso, era necessario potenziare l’esportazione, perché in un momento di contrazione dei consumi alimentari riuscire a dialogare su una dimensione più ampia è decisivo». L’imprenditore italiano ammette anche che «il momento migliore per espandersi erano gli anni Novanta ma a quel tempo non eravamo pronti». Sia la joint venture che le operazioni precedenti sono avvenute senza incentivi pubblici: «Non ne abbiamo chiesti e comunque non ce li avrebbero dati; questo è un mondo per privati» dice Scotti. Il patto tra le due società prevede che Ebro possa crescere solo fino al 40%. (14.04.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI