IL PRIMO PILASTRO NON SI CAMBIA

La Commissione conferma la linea sui pagamenti agro climatico ambientali

La Commissione europea non intende cambiare la sua proposta sui pagamenti agro- climatico- ambientali nel 1° pilastro, confermandone di fatto l’obbligatorietà per gli Stati membri e la volontarietà per gli agricoltori. Lunedì a Bruxelles il ministro Centinaio ha confermato che l’Italia condivide l’ambizione della PAC post 2020 ma solo se quest’ultima non comporterà maggiori costi e oneri amministrativi per gli agricoltori, soprattutto se non adeguatamente retribuiti. A detta del ministro italiano la Commissione non può proporre un rafforzamento degli impegni di condizionalità e un maggior peso finanziario delle misure agro-ambientali nel I e nel II pilastro, prevedendo al contempo un taglio al budget agricolo. Attuare pratiche come la rotazione obbligatoria delle colture genera ulteriori costi di produzione e più controlli per l’agricoltore, senza alcuna remunerazione. Per questo Centinaio ha chiesto che i piccoli agricoltori e le zone svantaggiate siano esonerati della condizionalità, per evitare costi eccessivi per le aziende e per gli organi di controllo. Mentre per quanto riguarda lo strumento di gestione dei nutrienti dovrebbe essere implementato nel II pilastro, nell’ambito dei servizi di consulenza aziendale. Per Centinaio l’eco-regime obbligatorio nel 1° pilastro può comportare anch’esso complicazioni tecniche e amministrative per gli agricoltori, rischiando di sovrapporsi alle le misure di sviluppo rurale. Si è anche detto d’accordo a destinare il 30% dei fondi di sviluppo rurale per finanziare misure ambientali-climatiche, ma chiede che in tale quota siano compresi i pagamenti nei confronti delle aree svantaggiate. Il ministro ha concluso ricordando che l’Europa deve garantire, attraverso l’etichettatura, trasparenza nell’informazione al consumatore e valorizzazione delle produzioni UE. (Fonte: Confagricoltura Piemonte)

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI