IL DECRETO NON È STATO ANCORA NOTIFICATO

Conferma dalla Commissione europea

Sta creando grande incertezza e qualche nervosismo la condotta del ministro Martina sul decreto che impone l’etichettatura obbligatoria del riso in Italia. Presissimo da Tuttofood e dall’arrivo di Obama, due giorni fa il Ministro ha annunciato di aver notificato a Bruxelles il decreto, di cui avvevamo anticipato la bozza redatta dall’ufficio legislativo del Ministero. Peccato che poi si sia dimenticato di farlo: alla Commissione europea, infatti, ci comunicano che “Il ministero dell’Agricoltura ha annunciato l’invio ma il decreto non è arrivato ancora a Bruxelles e ci vorrà qualche giorno”. Ringraziamo pubblicamente la Commissione per la solerte risposta e per la trasparenza, mentre osserviamo che analoghe richieste di informazioni avanzate al Mipaaf giacciono da giorni senza risposta. Unica consolazione: siamo in buona compagnia, visto che – a quanto ci comunicano gli interessati – nè Coldiretti, nè Confagricoltura (non è chiaro se anche l’Ente Risi) sono state messe a parte del testo finale del decreto interministeriale, scaturito dal confronto tra Mipaaf e Mise dopo l’annuncio del provvedimento, dato da Martina il 13 aprile. Che dire? Aspettiamo. (Ricordiamo che Risoitaliano ha pubblicato la bozza del decreto prodotta dal Mipaaf, che potete scaricare QUI)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI