ETVILLORESI PROROGA I PAGAMENTI

Applicato il decreto Cura Italia. Folli: facciamo il possibile per gli agricoltori
Il cda del ETVilloresi

In linea con le disposizioni dettate dal Decreto “Cura Italia” per fronteggiare l’attuale emergenza epidemiologica da COVID-19, il Consorzio ha disposto la proroga del  pagamento sia dei ruoli relativi alla bonifica dei terreni e dei fabbricati che dei canoni concessori (anno 2019) al 30 giugno 2020, per quanto riguarda la prima rata o rata unica, e al 31 luglio 2020 relativamente alla seconda rata. «Come è ormai evidente, l’attuale emergenza sanitaria porterà con sé inevitabili conseguenze economiche, che richiederanno misure eccezionali a sostegno delle imprese, delle famiglie e del lavoro ad un livello generalizzato. Nella consapevolezza che i mesi che ci attendono saranno particolarmente difficili, il Consorzio intende dunque, in una situazione così problematica, fare la propria parte, assicurando concreto sostegno  a tutti i portatori di interesse a partire dai propri consorziati.  L’Ente sta facendo tutto il possibile per assicurare, nonostante le enormi difficoltà, il regolare avvio della stagione irrigua, garantendo al contempo adeguate condizioni di sicurezza a tutti i propri operatori»: questo il commento del Presidente di ETVilloresi Alessandro Folli.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI