E' IN CORSO UNA GUERRA COLDIRETTI-AIRI

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailVenerdì 18 luglio la protesta di Agrinsieme, Airi, Confartigianato e Mediatori si conclude con l’occupazione della sala di contrattazione di Mortara, un altro tempio del riso italiano. Ancora una...

Venerdì 18 luglio la protesta di Agrinsieme, Airi, Confartigianato e Mediatori si conclude con l’occupazione della sala di contrattazione di Mortara, un altro tempio del riso italiano. Ancora una volta non ci sarà la Coldiretti, che ha scelto di “ballare da sola” ed è stata aspramente criticata per questo da Confagricoltura e Cia. Si pensava che la scelta della bonomiana fosse dettata da ragioni di marketing, cioè che l’organizzazione di Moncalvo preferisse scendere in campo da sola per dimostrare la propria superiorità organizzativa. In parte era così, ma ci sono anche ragioni più sostanziali. Le ha svelate oggi sulla Provincia Pavese la presidente della Coldiretti di Pavia, Wilma Pirola, dichiarando «ad oggi la nostra posizione resta distante da quella dei risieri, soprattutto per la legge di etichettatura dell’origine del prodotto. Altre organizzazioni si sono invece appiattite sulla posizione dell’industria che ben si guardava dallo scendere in piazza quando ad essere importato dai Paesi asiatici era il risone grezzo». In altre parole, esiste uno scontro in atto Coldiretti-Airi che investe la legge sul mercato interno del riso. A questo scontro si sovrappongono le tensioni in casa Confagricoltura, che abbiamo già documentato. E la prossima settimana, il 22 luglio per la precisione, è in programma a Roma una riunione del tavolo di filiera proprio su questo tema. (17.07.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI