CRISI NERA: NON SI PAGA L’ACQUA

Il bilancio dell'Ovest Sesia mette in evidenza che nel periodo estivo le aziende agricole non sono in grado di saldare

Circa il dieci per cento del bilancio dell’Associazione irrigua Ovest Sesia è bloccato dalle insolvenze. Circa un milione di euro. Non si paga l’acqua: notizia in sé è grossa e grave, se non fosse che, a detta degli stessi amministratori, non rappresenta una novità. Purtroppo, avviene ogni anno che i risicoltori serviti dal consorzio si dimentichino di saldare, costringendo l’ente a defatiganti rincorse, richieste e ingiunzioni, affinché tutti paghino il dovuto. Questo dato è la conferma che la crisi che attanaglia la risicoltura è reale. Lo conferma questa notizia e anche il suo contrario: come l’Ovest Sesia soffre, così l’Est Sesia non presenta lo stesso gravame di insolventi. La ragione è che l’acqua dell’Ovest viene pagata in agosto, quando le aziende sono a corto di liquidità, mentre quella dell’Est viene pagata in novembre, quand’è già iniziata la vendita del nuovo raccolto. In altre parole, se il bilancio degli enti consortili non ride, quello degli agricoltori piange a dirotto, di anno in anno. Al punto che il mancato pagamento, ancorché non giustificato, viene considerato quasi un dato strutturale e gli stessi enti consortili premono affinché la filiera si dia una migliore organizzazione delle semine, cioè in linea con la domanda e con i costi aziendali, al duplice scopo di limitare le insolvenze e gestire al meglio la risorsa idrica. Basterebbe seguire le orme dei risicoltori di altri Paesi. «Al momento, in Italia, questa organizzazione dell’offerta – ci spiega un operatore – è tentata dall’Ente Risi, con tutti i limiti di un ente pubblico economico che non può ingerirsi nelle dinamiche di mercato e deve pertanto limitarsi a fornire un supporto tecnico-informativo, ma non da chi dovrebbe farlo, cioè i sindacati, le cui divisioni, ovviamente, favoriscono la controparte industriale». Una situazione che neanche la clausola di salvaguardia potrà sbloccare. Tra i sindacati cresce l’attesa: c’è chi la invoca e chi la considera già cosa fatta. La si attende a ore.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI