COLDIRETTI: MENO RACCOLTO IN LOMBARDIA

L'organizzazione è cauta: la qualità è buona ma il raccolto potrebbe essere inferiore alle attese

Al via la raccolta di riso in Lombardia. Lo rende noto la Coldiretti regionale sulla base di un monitoraggio sul territorio, dal quale emerge un calo stimato a livello regionale fino al 10% nelle superfici coltivate, che dovrebbero così attestarsi sotto quota 100 mila ettari. In diversi casi – precisa la Coldiretti Lombardia – le operazioni scatteranno in ritardo di una decina di giorni rispetto allo scorso anno a causa delle bizze del tempo. A livello provinciale oltre l’80% delle risaie è concentrato nel Pavese, seguono i territori di Milano, Lodi e Mantova.

«Quest’anno il riso sembra bello, ma potremo essere più precisi su produzioni e rese una volta trebbiato – spiega Stefano Greppi, Presidente di Coldiretti Pavia e risicoltore con 200 ettari in Lomellina, a Rosasco (PV) – Ci preoccupano i prezzi, ancora al di sotto dei costi di produzione, e la questione delle importazioni a dazio zero dal Sud Est asiatico che non accennano a diminuire». Nell’ultimo anno – precisa la Coldiretti Lombardia – le importazioni europee di riso dall’intero Sud Est asiatico sono arrivate a toccare il livello record di 367.585 tonnellate. In particolare, risultano cresciute le importazioni provenienti dal Myanmar in aumento del 76% rispetto alla campagna precedente.

«La qualità del riso è buona – conferma Cesare Fedeli, che lavora 130 ettari all’interno del territorio comunale diMilano – ma la raccolta è rallentata dal fatto che le piante si sono allettate, anche quelle varietà che solitamente non danno problemi del genere. Siamo ancora all’inizio, ma prevedo un leggero calo di produzione». «Abbiamo seminato tardi e raccoglieremo in ottobre – afferma Francesco Parise, risicoltore di Porto Mantovano (MN) con 24 ettari di Vialone Nano e 11 di Carnaroli – Le piante hanno resistito alla grandine di giugno e il resto della stagione ha avuto un andamento positivo».

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI