CARRA’ : CHE FA LA POLITICA?

...

paolo carràIl riso italiano è in pericolo e la politica non risponde. Mentre aumentano, seppur lievemente, le importazioni del cereale semilavorato e lavorato da Paesi meno avanzati e l’iter per ottenere la clausola di salvaguardia che porterebbe al ripristino dei dazi doganali e a un ridimensionamento dell’import, è ancora lontano da una svolta. Lo sottolinea stamane – con un’intervista – il presidente uscente (e probabilmente rientrante) dell’Ente Risi Paolo Carrà (foto piccola) sulla Stampa, nell’edizione di Vercelli. Per noi non è una sorpresa, purtroppo. Va detto che anche se quando Risoitaliano metteva in evidenza i rischi di perdere tempo e di fidarci troppo delle rassicurazioni del governo sul dossier Cambogia venivamo tacciati – in pubblico e nell’ambito di riunioni ristrette – di «fare gossip» e lavorare contro gli interessi della filiera. Prendiamo atto che un’informazione documentata corretta non è mai contro il libero mercato e leggiamo sul quotidiano che «da settembre 2014 a febbraio 2015 le importazioni di riso semilavorato e lavorato da Cambogia e Nyanmar (la ex Birmania in realtà si definisce Myanmar; ndr) risultano in aumento del 3% rispetto allo stesso periodo della campagna 2013/2014. Solo nel mese scorso le cifre indicavano invece un andamento stabile dell’import, sempre in riferimento agli ultimi 5 mesi. Ancora una volta i dati più eclatanti arrivano dal Nyanmar, le cui importazioni in Italia corrispondono al 19% del totale, che risultano del più 188% rispetto all’anno scorso. Le tonnellate di riso semilavorato, confrontate con dodici mesi fa, passano da 8.804 a 25.350 tonnellate. Le importazioni dalla Cambogia, che coprono il 78% delle importazioni dai Paesi meno avanzati, evidenziano un calo dell’11% rispetto a un anno fa, essendo passate da 115.219 a 102.084 tonnellate». Ecco cosa dice Carrà: «Un salto così elevato per il riso del Nyanmar – spiega il presidente di Ente Risi, Paolo Carrà (sospettiamo che anche in questo caso – è dovuto al fatto che finora questo Paese non ha potuto esportare il proprio prodotto. I dati appena arrivati dalla Comunità europea attestano come il pericolo, per il mercato risicolo nazionale, continua ad esserci: rispetto al passato la superficie di riso Indica, salvo ripensamenti dell’ultimo minuto, si ridurrà». Sul fronte della clausola di salvaguardia, «ci sono stati degli incontri e stiamo seguendo costantemente la situazione – continua Carrà – ma i risultati non arriveranno nel breve periodo. Ormai questa non è più una questione tecnica, ma politica».

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI