BRUMA PRESENTA LE CONTROMISURE AL BRUSONE

All'incontro di Novara Marinella Rodolfi definisce «sconfortante» il primo bollettino (confermato dal secondo)

Il progetto Bruma 2018 si è presentato ufficialmente nella serata di ieri, 20 giugno, a Novara, presso la Fondazione Agraria Novarese. Un appuntamento voluto per consentire agli agricoltori di capire come usare al meglio le informazioni del bollettino per il controllo del brusone nelle proprie aziende. All’incontro hanno preso la parola innanzi tutto Simone Silvestri (responsabile del progetto) dell’Ente Risi e la presidentessa di FAN  Giulia Baldrighi. Quindi è intervenuta la ricercatrice Marinella Rodolfi la quale ha spiegato che «il primo bollettino annuale non è stato confortante, presentando già dei livelli 1 in alcune zone in un periodo in cui non era mai successo, il prossimo uscirà il 21 giugno. Come tutti sappiamo ogni campagna è diversa da quelle precedenti e necessita di mezzi al passo con le esigenze agronomiche; anche il nostro progetto, infatti, è sempre stato questo ma si è modificato e migliorato negli anni, basandosi su analisi oggettive e sviluppandosi giorno per giorno, grazie anche al sostegno di un numero sempre maggiore di enti». Il secondo bollettino, emesso oggi, conferma il rischio 1, che investe le varietà sensibili: 5 postazioni su 6 sono a rischio. E’ necessario pertanto non osare con azotature spinte su nessun riso, nemmeno i più robusti.

Dopo le analisi tecniche è stato dato spazio ad alcune aziende produttrici dei fungicidi utili alla lotta al Brusone in campo, che hanno avuto la possibilità di presentare i loro prodotti e fornire suggerimenti sull’utilizzazione.UPL  ha presentato Thiopron, agrofarmaco a base di zolfo in una formulazione esclusiva in base acquosa, priva di solventi o olii, connotato da una elevata resistenza al dilavamento. Oltre all’azione fungicida, lo zolfo migliora lo stato nutrizionale delle piante di riso e ne agevola l’espressione delle proprie potenzialità produttive, come dimostrato da svariate prove condotte, anche da enti ufficiali, nel corso degli ultimi anni.  Per le sue caratteristiche di basso impatto Thiopron è utilizzabile, da solo, anche in agricoltura biologica, secondo quanto previsto dalle norme vigenti.  Nei programmi di difesa integrata manifesta invece le sue massime potenzialità quando miscelato o alternato con una strobilurina. Il prodotto è attualmente in corso di estensione sulla coltura del riso su cui ha già ottenuto l’usi in deroga (Art. 53) nel 2017; per il 2018 è invece atteso a giorni un parere da parte delle autorità competenti al fine di poterne replicare l’impiego.

Grande attesa c’era per la proposta di Syngenta, con Amistar e con la sua evoluzione, Amistar Top, a base di azoxystrobin, con l’aggiunta nella nuova formula di un 11,3 % di Difenoconazolo . Si tratta di un prodotto molto flessibile già nella sua forma tradizionale ma che ora permette di effettuare il trattamento in 3 fasi del ciclo del fungo, una in più rispetto alla formulazione base che aveva efficacia durante la sporulazione e la germinazione dei conidi (Amistar Top è applicabile anche durante la formazione dell’appressorio e la penetrazione dello stiletto fungino). L’azienda ci tiene a ricordare l’importanza dell’usare i prodotti coscienziosamente per permettere che molecole importanti per la risicoltura non vengano vietate…

DAS (Dow AgroSciences), dal canto suo, ha illustrato il modus operandi che ha reso possibile la creazione dei loro prodotti volti al monitoraggio del brusone nel riso. Il lavoro di quest’azienda si è sviluppato nel corso di diversi anni, anche grazie alla collaborazione con enti come l’Ente Nazionale Risi e il CREA (ex ENSE) ed interfacciandosi con i risicoltori, via SMS, già dal 2006 (fornendo un bollettino simile all’attuale a circa 500 utilizzatori). Il prodotto di punta in questi anni è stato il celebre Beam, prodotto a base di triciclazolo, che l’Europa ha vietato ma che la società sta ri-registrando; la Dow-Dupont (il gruppo nato dopo la recente fusione) si prepara a offrire anche nuove soluzioni a partire dall’anno prossimo. All’incontro hanno partecipato anche Arysta LifeScience, Bayer CropScience e Sumitomo Chemical. Autore: Ezio Bosso (ALTRE INFORMAZIONI PER IL CONTRASTO DEL BRUSONE QUI)

Bollettino Bruma del 21 giugno 2018

Località Rischio
Trino V.se 1
Olcenengo 1
San Giacomo V.se 1
Cameriano 0
Nibbia 1
Terdobbiate 1

 

Categorie
Tecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI