«BATTIAMO I PUGNI SUL TAVOLO DELLA CLAUSOLA»

Elisabetta Falchi (Sapise): non è più sopportabile che ambiente e diritti umani valgano solo in Europa

Sono anni difficili per il riso e saranno anni difficili. Elisabetta Falchi, presidente della Sardo Piemontese Sementi (Sapise) non nasconde che la volatilità dei prezzi accompagnerà anche questa campagna di commercializzazione e spiega che «in questo contesto anche noi dobbiamo raddoppiare la cura per il prodotto seme, in quanto non è richiesta solo un’elevata qualità ma anche la capacità di accompagnare il risicoltore nella costruzione della sua competitività». Ma la Falchi lancia anche un messaggio alla politica: «Non possiamo più aspettare, dobbiamo ottenere dall’Europa la clausola di salvaguardia sui Pma, dobbiamo battere i pugni sul tavolo di Bruxelles. Infatti,  non si può più sopportare che quella europea sia un’agricoltura realmente rispettosa verso lavoratori e ambiente e poi far entrare con le importazioni a dazio zero dai Paesi meno avanzati un riso che viene prodotto senza rispetto per l’ambiente e soprattutto per i diritti umani». (Vedi la videointervista)

 

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI