Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

OVEST SESIA FORNISCE I DATI IRRIGUI

da | 28 Lug 2022 | NEWS

Siccità
Abbiamo chiesto a Est Sesia e Ovest Sesia alcuni dati che permettessero ai risicoltori di valutare l’evoluzione delle irrigazioni in questo periodo di siccità. In particolare, vorremmo conoscere dotazione e disponibilità dei principali canali, quanto è stato venduto alle diverse aree in termini di metricubi. Non siamo dei tecnici ma ci paiono informazioni basiche. Novara non ci risponde neppure.

RISPONDE L’ASSOCIAZIONE OVEST SESIA

L’Associazione irrigua Ovest Sesia invece ci risponde con un lungo comunicato che riproduciamo integralmente: «L’Aios è stata impegnata fin dall’inizio della stagione irrigua a ripartire equamente la risorsa acqua all’interno delle tre zone (Santhià, Vercelli e Trino) componenti il comprensorio di Ovest Sesia. La scarsità nevosa dell’arco alpino valdostano – piemontese unitamente alla penuria di piogge del periodo primaverile e al conseguente abbassamento della falda, hanno ulteriormente aggravato la crisi idrica.
La situazione è grave nei tre comprensori che in questa stagione vivono solamente di circa il 50% dell’acqua di competenza (come da concessioni). La stagione non ha visto nessun apporto dai coli, risorgive e fontanili, che normalmente contribuiscono ad un’efficace irrigazione.

CAVOUR

I principali canali adduttori della nostra irrigua sono il Canale Cavour e il Canale Depretis, che nella stagione irrigua 2022 hanno subito una riduzione media del 55%-60%. Il Canale Cavour con un dato di competenza di 110 m3/sec ha raramente superato una portata pari a 50 m3/sec giornalieri. Il calcolo è ottenuto sommando sia l’acqua prelevata dallo sbarramento di imbocco di Chivasso sul Fiume Po, sia quella sussidiata mediante il Canale Farini a Saluggia con l’acqua della Dora Baltea.

DE PRETIS E REGINA ELENA

Il Canale è gestito dalla Coutenza Canali Cavour (AIOS/ AIES – al servizio dei due comprensori agricoli) e di conseguenza di questi 50 m3/sec circa la metà rimane a favore di AIOS. Il Canale Depretis, con una portata di competenza di 40 m3/sec destinata esclusivamente all’irrigazione, ha mantenuto una portata media di circa l’80%.

Il dato del Canale Depretis sembrerebbe confortante. Tuttavia, si deve considerare che per una miglior distribuzione dell’acqua sull’intero comprensorio sia di AIOS, sia di AIES una parte della portata del Canale (18 m3/sec) sussidia il Canale Cavour. Quest’ultimo insieme al Canale Regina Elena (anch’esso in forte riduzione per l’abbassamento del Lago Maggiore) ottempera alle disposizioni normative del riparto dell’acqua nei due comprensori.

SANTHIA’

La zona di Santhià, favorita dalla sua ubicazione geografica, dalla sua conformazione e sottesa da una fitta rete di canali che prelevano dal Naviglio di Ivrea e dal Canale Depretis. Questa è sicuramente l’area del comprensorio che riscontra meno difficoltà ad un’irrigazione capillare. Le riduzioni di portata su queste aree hanno portato però alla mancata produzione delle colature in favore delle zone di valle.

VERCELLI

La zona di Vercelli, ubicata nella parte più ad est del comprensorio tra il Canale Cavour e il Fiume Sesia, è risultata fortemente penalizzata, oltre che per la riduzione della così detta “acqua viva” degli imbocchi principali, anche per la conseguente mancanza delle colature, che normalmente si generano durante la sommersione delle risaie e che sono indispensabili per soddisfare il fabbisogno idrico di competenza delle aree più a sud della zona. Il perdurare di questa situazione ha comportato enormi sforzi e numerose manovre giornaliere per garantire una distribuzione equa dell’acqua fino ai territori terminali della zona, ubicata in prossimità della confluenza del Fiume Sesia in Po.

TRINO

La zona di Trino, più sofferente, è l’area più a sud del comprensorio. L’area è collocata parallelamente al fiume Po ed ha le maggiori difficoltà per le seguenti motivazioni:
  • il lungo percorso della rete di distribuzione dell’acqua derivata da Dora Baltea e da Po (oltre 30 km);
  • la scarsità d’acqua, quindi una portata di solo il 50 % dell’acqua di competenza della rete della zona.

Anche per la Zona di Trino l’assenza di colature e il livello di falda molto basso ha aggravato la situazione all’irrigazione capillare di molti distretti e tenimenti isolati.

«Alla luce di questa situazione – conclude il presidente Stefano Bondesan – devo rimarcare l’operosità e la grande capacità dei miei colleghi agricoltori che, in una situazione così complicata si sono dimostrati capaci di gestire al meglio l’acqua. Infatti, si sono ripartiti l’acqua nel modo più corretto e in piena sinergia con i tecnici dell’Associazione. L’obiettivo è contenere i danni di questa grande siccità. Attendiamo fiduciosi ancora qualche precipitazione a carattere piovoso che possa alleviare questo caldo torrido e consentire la chiusura definitiva di una stagione irrigua che non si vedeva da quasi cinquant’anni».

INTERVENTO DELL’ANBI PIEMONTE

Sull’argomento interviene anche l’Associazione Bonifiche Piemontesi (Anbi) con questa dichiarazione: «I Consorzi irrigui Piemontesi stanno affrontando una crisi irrigua senza precedenti che si protrai ormai da mesi, come conseguenza delle scarse precipitazioni nevose, dell’assenza di piogge significative da inizio anno con forti deficit di portata dei corsi d’acqua (anche del 90%) e preoccupanti abbassamenti dei livelli di falda.

La risorsa disponibile è assolutamente insufficiente e i Consorzi, pur con notevole aggravio economico e gestionale, sono impegnati a cercare di distribuirla in modo equo ed efficiente per coprire i fabbisogni minimi di tutte le aziende, anche di quelle che solitamente usufruivano delle acque di colatori e fontanili, oggi quasi azzerate. In alcune aste fluviali i Consorzi si sono organizzati con turnazioni straordinarie che consentono agli stessi di prelevare un corpo d’acqua minimo utilizzabile, e di garantire contemporaneamente il DMV di legge in alveo, in alcuni casi rilasciato in deroga.

In questo periodo dell’anno la maggior parte delle colture presenti sul territorio regionale si trova nel momento di massima idroesigenza e la mancanza di disponibilità idrica per la grave siccità in corso, sta compromettendo buona parte dei raccolti.

I COSTI DELL’ENERGIA ELETTRICA

Alle perdite di produzione si sommano per alcuni Consorzi gli sproporzionati aumenti dei costi dell’energia elettrica utilizzata per il sollevamento dell’acqua. Con il passaggio da 190 €/MWh del 2021 a 465,80 €/MWh del luglio 2022, in alcune aree è stato sospeso il servizio di irrigazione, avendo ampiamente superato le somme a disposizione nel bilancio consortile per coprire le spese energetiche, ed è stato chiesto di ripristinare i contributi per i costi energetici previsti dalla L.R. 63/’78, che in passato consentiva alla Regione di sostenere i comprensori irrigui estesi in aree geograficamente sfavorevoli per l’approvvigionamento d’acqua.

A causa della grave siccità tuttora in corso si sono già manifestate le ripercussioni economiche sul mercato dei prodotti agricoli, né è un esempio il Comune di Centallo (CN), storica piazza del mercato del fagiolo rosso della Provincia di Cuneo, dove non è stato possibile aprire il mercato per scarsità o addirittura assenza di prodotto.

Come dichiarato dal Presidente Viora e dal Direttore Fossati “A fronte di questa situazione a dir poco drammatica auspichiamo che le istituzioni preposte possano ascoltare le richieste già più volte avanzate dai consorzi irrigui e dare il via oltre che ai necessari ristori ad un deciso programma di interventi sulle reti irrigue e per la realizzazione di nuovi invasi (grandi invasi sull’arco alpino e piccoli invasi diffusi – come ad esempio il piano laghetti recentemente presentato al Governo) ad uso plurimo destinati a creare le riserve non solo per l’agricoltura ma anche per l’idropotabile».

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio