SICCITÀ IN NORD COREA

A rischio il raccolto di riso
L’agenzia di stampa centrale della Corea del Nord (KCNA) ha avvertito mercoledì che il prolungamento della siccità potrebbe seriamente compromettere il settore risicolo e altri raccolti di cereali quest’anno.
«La siccità e le alte temperature hanno continuato a colpire la costa occidentale e le parti interne del centro del Paese», ha detto KCNA, che ha ricordato anche le altre aree che stanno subendo danni: le province del sud e del nord di Hwanghae e del sud di Pyongan, così come la città di Nampo e altre aree.In particolare, le risaie nella contea di Ongjin, nella contea di Kangryong e nella contea di Hwangju stanno subendo le condizioni peggiori: anche il 47% delle risaie della contea di Kumchon sono ormai secche. Il quotidiano nordcoreano Rodong Sinmun ha avvertito che se la siccità continua, non ci sarà più nulla da raccogliere.

Secondo gli esperti nordcoreani, le piogge nel paese a maggio, una stagione critica per la coltivazione del riso, erano meno della metà della media annuale. GEOGLAM, un’organizzazione svizzera di osservazione delle colture, e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura hanno infatti annunciato che la grave siccità in corso ridurrà i raccolti della Corea del Nord quest’anno. Autore: Manuela Indraccolo

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI