Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

SICCITA’ E PAC ASSILLANO SIVIGLIA

da | 13 Dic 2021 | Internazionale

acqua

Siviglia è la prima provincia risicola della Spagna; i suoi 36.500 ettari generano più di 5.000 posti di lavoro diretti e un fatturato di più di 680 milioni di euro , con un contributo di 38 milioni di euro  in tasse, quindi la coltura è un vero motore di crescita. In termini di lavoro, la coltura genera più di cinquemila posti di lavoro diretti, il che significa cento milioni di euro in retribuzioni dirette. Il sindacato degli agricoltori Asaja-Sevilla e la Federazione dei risicoltori di Siviglia hanno tenuto il loro tradizionale incontro annuale con il settore del riso il 2 dicembre a Isla Mayor: La Giornata del Riso, alla sua 19esima edizione. La siccità è stata, insieme alla nuova Pac, la principale preoccupazione dei circa 200 risicoltori sivigliani presenti: con i serbatoi del bacino del Guadalquivir al 26%, vedono seriamente compromessa la prossima campagna di irrigazione. Inoltre, il Piano Strategico Nazionale per la nuova Pac che il Ministero dell’Agricoltura presenterà a Bruxelles il 31 dicembre e che sarà in vigore tra il 2023 e il 2027, penalizza fortemente i risicoltori, che subiscono perdite con la riduzione del numero di regioni nel nuovo sistema di sostegno al reddito e subiscono una perdita ancora maggiore con la scomparsa del greening e la sua sostituzione con i nuovi eco-schemi.

Garrido ha rivelato le carenze che ha mostrato l’attuale aiuto agroambientale per il riso e ha esposto le linee proposte dal Ministero per il nuovo aiuto agroambientale, che mira a ridurre il tempo di sommersione e la superficie totale sommersa per creare un sistema a mosaico che favorisca la proliferazione di tutti i tipi di uccelli. Il Ministero regionale intende che il nuovo aiuto avrà un budget più alto e che sarà attuato nel 2022. Successivamente, Manuel Lobeto, Msc International in Sviluppo Rurale, ha presentato il gruppo operativo Sama, a cui partecipa la Federazione dei Risicoltori. Il servizio di monitoraggio del riso andaluso offre un progetto pionieristico basato su immagini satellitari, internet delle cose e intelligenza artificiale, attraverso il quale può fornire al settore della risicoltura una piattaforma tecnologica per raccogliere, gestire e modellare i dati della coltura e raggiungere così la sua completa digitalizzazione e il miglioramento generale e la sostenibilità. Poi, il responsabile tecnico di colza, girasole, cotone, riso e semi di Basf, Juan Manuel Contreras, ha presentato la nuova tecnologia Provisia, sviluppata dall’azienda nella stazione sperimentale di Utrera. Infine, la presentazione dello “Studio dell’impatto economico e sociale della risicoltura nelle paludi del Guadalquivir come dinamizzatore dell’economia andalusa” è stata fatta dalla professoressa dell’Università di Siviglia, Lourdes López, coordinatrice dello studio insieme ai professori Mercedes Castro e Rafael del Pozo che, per due anni e con la collaborazione della Federazione dei risicoltori di Siviglia, hanno sviluppato questa analisi, che mette in evidenza le caratteristiche raggiunte da questa zona risicola.

Siviglia, prima zona risicola spagnola

La zona risicola di Siviglia si trova in un luogo geografico unico, può contare su  36.500 ettari di coltivazione, ed è la più importante della Spagna, poiché rappresenta il 33% della superficie risicola del paese ed è in prima posizione sia per superficie che per produzione, soprattutto per la varietà indica, dove la risaia delle Marismas del Guadalquivir fornisce quasi la metà della produzione spagnola e più del 15% della produzione europea. La provincia di Siviglia rappresenta il 92% della superficie andalusa dedicata alla coltivazione del riso, che si estende tra le due rive del fiume Guadalquivir, principalmente nei comuni di Isla Mayor, La Puebla del Río, Aznalcázar, Los Palacios y Villafranca, Dos Hermanas e Utrera. Grazie alla sua posizione accanto al Parco Naturale di Doñana, è una delle più grandi zone umide d’Europa, il che la rende un ecosistema perfetto per l’avifauna della zona: questo ha spiegato nel suo intervento il coordinatore dei Servizi Tecnici di Asaja-Sevilla, Antonio Caro.

Il coordinatore dei servizi tecnici di Asaja-Sevilla ha denunciato ciò che potranno soffrire i risicoltori con la nuova Pac. Il riso, una coltura irrigua che si sviluppa sotto l’acqua, riceverà un importo molto inferiore a quello ricevuto dal resto delle zone irrigate, come appare sorprendentemente nell’ultima versione del Piano Strategico che il Ministro dell’Agricoltura ha esposto per la revisione pubblica, il che causerà perdite di quasi l’80%.Da Aasaja-Sevilla arriva quindi una sollecitazione al Ministero dell’Agricoltura a remunerare questa pratica con lo stesso importo come il resto delle colture irrigue, come contemplato nelle versioni precedenti del piano strategico nazionale. Sulla stessa linea ha colpito il consigliere di programmi e rapporti della Segreteria Generale di Agricoltura, Bestiame e Alimentazione, Maria Pilar Garrido, che ha espresso la sua sorpresa per il trattamento che il Ministero sta dando la coltura e ha ricordato che il riso è una coltura irrigua e, almeno, dovrebbe ricevere lo stesso importo come il resto delle colture analoghe. Come dichiarato da Pilar Garrido, il riso Siviglia fa già parte di standard di qualità molto alti, perché è coltivato interamente secondo le linee guida della produzione integrata.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio