Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

SI MUORE DI FAME IN COREA

da | 13 Lug 2021 | Internazionale

In Corea del Nord ci sarebbero persone che muoiono di fame, mentre il paese lotta per nutrirsi. La gente nella nazione isolata – spiega Gaotrade nel report The Rice – soffre pesantemente per l’impatto delle sanzioni, la chiusura della frontiera a causa del covid e il clima estremo.

Le sanzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la chiusura del confine con la Cina per la pandemia e una siccità del 2020 seguita da piogge da tifone: fattori che si stanno combinando per creare gravi carenze di cibo in Corea del Nord, con preoccupazioni crescenti per la malnutrizione diffusa e una potenziale ripetizione della carestia del paese negli anni ’90.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha riconosciuto il problema in una riunione di giugno del Comitato Centrale del Partito dei Lavoratori.

La Corea del Nord ha indicato la necessità di 5,2 milioni di tonnellate di cibo per il 2020, ma ne ha prodotte solo quattro milioni, lasciando un deficit di più di un milione di tonnellate, afferma il Korea Development Institute di Seul in un rapporto del mese scorso.

Anche con le importazioni, la Corea del Nord soffrirà un deficit alimentare di 780.000 tonnellate per il 2020-2021, secondo le stime della Fao in un rapporto sul paese a giugno, delineando l’effetto di una siccità all’inizio del 2020, seguita da una successione di tifoni e forti piogge in agosto e settembre che hanno gravemente ostacolato la produzione alimentare. (AVVISO).

Il danno causato dalle sanzioni è stato anche aggravato dalla chiusura del confine con la Cina, dato che Pechino è responsabile di circa il 90% del commercio estero della Corea del Nord.

Kim Jong-un ha rimproverato gli alti funzionari per le mancanze che hanno causato una non meglio precisata “grande crisi” legata al covid-19, riferiscono i media statali nordcoreani.
È stato un raro segno del riconoscimento della gravità della pandemia nel paese, che in precedenza ha ribadito di non aver registrato casi di covid – un’affermazione messa in dubbio dagli esperti.  Il paese ha chiuso le frontiere per tenere fuori il virus.  Ma insieme alle sanzioni internazionali, questo ha portato a carenze di cibo e a un peggioramento dell’economia.
Il dittatore nordcoreano aveva già precedentemente ammesso che esisteva una situazione alimentare “tesa” e ha chiesto ai cittadini di prepararsi al “peggiore dei casi”, invocando paragoni con la carestia mortale del paese negli anni ’90.

I segni della fame in Corea del nord

All’inizio di questa settimana, la televisione di stato ha mandato in onda una rara osservazione di un cittadino che commentava l’aspetto “emaciato” del signor Kim dopo che sembrava aver perso peso.
Le organizzazioni umanitarie hanno avvertito di una grave crisi alimentare ed economica.
I rapporti sono emersi negli ultimi mesi a causa di un’impennata dei prezzi degli alimenti, così come l’aumento delle morti per inedia e l’aumento del numero di persone che chiedono l’elemosina.
Si pensa che l’assenza delle importazioni abbia causato il caos nei mercati nordcoreani: il prezzo di un chilo di riso a Pyongyang è aumentato del 22% in una sola settimana a giugno, secondo il Daily NK, un media gestito da dissidenti con sede a Seul.