Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

ROTTURA OGM

da | 27 Gen 2021 | Non solo riso

PAC

La Commissione Europea sembra pronta ad andare avanti con un “nuovo approccio” alle autorizzazioni di colture geneticamente modificate dopo la persistente mancanza di sostegno politico da parte del Parlamento europeo, come riportato dal sito euractiv.com. A dicembre, i deputati hanno votato per nuove cinque obiezioni contro le autorizzazioni di colture ogm come alimenti e mangimi all’interno dei confini europei, tra cui una varietà soia e quattro varietà di mais ogm. Questo ha portato il numero complessivo di obiezioni alle autorizzazioni di colture geneticamente modificate a 51 in cinque anni.

In risposta alle critiche del Parlamento sulle autorizzazioni delle colture ogm, un portavoce della Commissione riferisce che l’esecutivo sta «riflettendo su un nuovo approccio per quanto riguarda le autorizzazioni degli ogm è in linea con l’ambizione politica stabilita dal Green Deal europeo e la strategia Farm to Fork». Il nuovo approccio che dovrebbe garantire che i prodotti immessi sul mercato Ue diventino sempre più sostenibili, in linea con i commenti del vicepresidente della Commissione Frans Timmermans. Nel frattempo, in una delle sue prime decisioni post-Brexit, il Regno Unito ha lanciato una consultazione sull’editing genico nel tentativo di sbloccare “benefici sostanziali” per il settore e l’ambiente, ma la mossa potrebbe mettere il paese in contrasto con l’Ue su questo tema.

“Ascoltare la voce dei rappresentati dei cittadini europei”: l’esortazione dell’eurodeputata Eleonora Evi

L’eurodeputata verde italiana Eleonora Evi ha esortato la Commissione ad “ascoltare la voce dei rappresentanti dei cittadini europei, anche se le ultime obiezioni, votate solo qualche giorno fa, non sono vincolanti per la Commissione europea”. Secondo l’eurodeputata verde italiana offrono un “segnale chiaro e inequivocabile” che i cittadini europei non vogliono gli organismi geneticamente modificati. Un copione che va avanti da cinque anni, con la Commissione europea che continua a fare proposte per l’approvazione degli OGM e il Parlamento europeo che le respinge nel suo ruolo di voce dei cittadini europei”, ha detto e ha aggiunto: “È giunto il momento che la Commissione ascolti la voce dei rappresentanti dei cittadini europei e smetta di autorizzare gli ogm nell’Unione europea, in spregio ai principi della democrazia”.

Gli eurodeputati hanno sottolineato la riduzione del sostegno politico per le colture geneticamente modificate, sottolineando che il numero di governi dell’Ue che sostengono le autorizzazioni delle colture ogm in commissione d’appello è sceso, mentre il numero di eurodeputati che sostengono le obiezioni è aumentato nel tempo.

Le linee guida esistenti sono appropriate per la valutazione del gene editing, sostiene dal canto suo l’Efsa, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare. L’editing del genoma non pone alcun pericolo aggiuntivo rispetto alla selezione convenzionale o ad altri metodi di modifica genetica, il che significa che le linee guida esistenti sono adeguate per la loro valutazione, ha concluso l’Efsa.

Nonostante queste obiezioni, la Commissione ha continuato ad adottare le autorizzazioni per le colture ogm, sostenendo che il loro approccio “funziona all’interno del quadro giuridico adottato dai co-legislatori, compreso il Parlamento europeo”.

Come tale, sta “adempiendo ai suoi obblighi giuridici e sta procedendo con tutte le applicazioni in sospeso, che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha concluso per essere sicuro”.

“La Commissione continuerà a trattare le domande in sospeso per gli alimenti e i mangimi geneticamente modificati secondo le regole esistenti, in attesa di un approccio diverso basato su considerazioni di sostenibilità”, ha detto il portavoce, aggiungendo che tutti gli ogm autorizzati nell’UE hanno ricevuto un parere positivo dall’Efsa, che ha concluso che sono sicuri come le loro controparti convenzionali.

Autorizzazioni delle colture OGM: il parere di Tilly Metz

Tilly Metz, un obiettore principale per il gruppo Verdi/EFA al Parlamento europeo, ha aggiunto che queste autorizzazioni hanno anche un effetto considerevole in una prospettiva più ampia.

In una lettera ai parlamentari europei a settembre, la Commissione ha annunciato che avrebbe sviluppato un nuovo approccio all’autorizzazione delle colture ogm per l’importazione “basato su considerazioni di sostenibilità”. Tuttavia, questo non è stato mantenuto, secondo Metz.

“La Commissione Green Deal di Von der Leyen continua ad autorizzare colture geneticamente modificate la cui coltivazione causa devastazioni ambientali nei paesi produttori, compresa la distruzione delle foreste pluviali. Ha promesso di vagliare le colture geneticamente modificate per il loro impatto ambientale, ma finora non sta succedendo nulla”, ha detto, aggiungendo che questo rende l’Ue “complice della deforestazione”.

“L’Ue non può pretendere di guidare il mondo sulla protezione della natura mentre continua a consentire la distruzione della natura fuori dai suoi confini”.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio