RIFORMA THAI, STOP AND GO

Fallisce il primo tentativo di approvare la legge sul settore. Ecco i contenuti

La Tailandia ha provato a trasformare in legge una riforma del settore risicolo, ma finora non ce l’ha fatta: ci riproverà nelle prossime settimane. Tutti gli attori coinvolti concordano sul fatto che la legge sul riso – la prima legislazione della Thailandia che punta a governare una gestione generale della produzione – è iniziata con buone intenzioni. Ma la proposta di legge è naufragata  in prima lettura dall’Assemblea legislativa nazionale (NLA).

L’assemblea ha avviato il disegno di legge alla fine dell’anno scorso, sottoscritta da gruppi di rappresentanti di agricoltori presumibilmente legati a agenzie statali come il Dipartimento del Riso.
Il disegno di legge originale mirava a “sviluppare e stabilizzare la produzione di riso e la catena di approvvigionamento e la protezione dei diritti degli agricoltori in modo più efficace”, con conseguente “beneficio massimo per l’intero processo di produzione”.

Era prevista  l’istituzione di un organismo politico di supervisione e di gestione della produzione risicola, unendo l’autorità del Dipartimento di riso e altri funzionari; si puntava anche ad una raccolta generale di dati  sui commerci, stabilendo le sanzioni per le violazioni. La componente più controversa è la sezione che tratta della gestione e della supervisione della produzione di riso, oggetto di accesi dibattiti.

Il progetto originario proponeva il divieto di commercio per determinati tipi di riso certificato a livello statale, con l’eccezione dei piccoli agricoltori. La clausola ha suscitato una forte opposizione basata sul timore che gli agricoltori sarebbero stati ancora costretti a utilizzare solo varietà prodotte e vendute da alcune aziende; in caso contrario avrebbero rischiato il carcere.

La forte opposizione di alcuni gruppi di difesa dei diritti degli agricoltori e non solo ha portato alla cancellazione dell’articolo. Altri articoli sono stati modificati nell’ultima versione da presentare per la seconda e la terza lettura nell’NLA in programma la prossima settimana.

Sul tavolo anche la crescita del settore del biologico: negli ultimi 10 anni, i coltivatori hanno utilizzato le loro capacità tradizionali di coltivatori per diventare selezionatori. Hanno creato nuove varietà di riso aromatico tra cui Chor Ratree, la risposta all’Hom Mali, ma ricca di acido folico, una manna per le donne in gravidanza. Queste varietà tendono a essere scambiate tra agricoltori e commercianti prima che siano certificate dallo Stato, una procedimento che richiede un lungo iter. Le indicazioni della fondazione BioThai (Biodiversity-Sustainable Agriculture-Sovereignty Action Thailand) , che riuniusce i produttori di biologico, sono in linea con quelle dello stesso Dipartimento del Riso, secondo cui fino al 49% delle varietà di riso sono prodotte e migliorate dagli stessi agricoltori. Il Dipartimento dal canto suo ha sviluppato solo il 6% delle varietà, altrettante derivano dai suoi centri di comunità e cooperative, e il 18% viene da imprese del settore.

Tutto questo è ignorato nell’attuale bozza della legislazione, che punta a regolare le varietà certificate dallo stato, ed estende gli aiuti pubblici solo agli agricoltori che selezionano varietà certificate dallo Stato. Una parte del mondo risicolo thailandese afferma infatti che questo disegno di legge non è in linea alle realtà del settore e non corregge gli errori commessi in passato. Secondo BioThai, la legge privilegia il settore privato bypassando i diritti delle comunità: per questo ha chiesto maggiori informazioni sulla discussione della norma. «Il riso non riguarda solo il mercato, riguarda il modo di vita, la cultura – afferma il direttore di Bio Thai, Witoon Lianchamroon – Queste dimensioni devono essere valutate prima di prendere una decisione in modo che sia possibile mantenere la diversità e la resilienza che consentiranno agli agricoltori thailandesi di sopravviverebbero contro le sfide future, compresa la sicurezza alimentare e il controllo da parte delle grandi imprese. La capacità di recupero che è nelle mani dei nostri agricoltori». 

Nipon Poapongsakorn, membro dello staff tecnico del Thailand Development Research Institute, ha affermato che l’attuale progetto di legge affronta il tema del controverso divieto di commercio di alcune varietà di riso. Ma la sfida rimane su come mantenere la diversità nella produzione mantenendo standard elevati, ha confermato. Estendere l’autorità del Dipartimento del riso sta andando nella direzione sbagliata: non dovrebbe avere un ruolo di  regolatore, ha affermato, ma piuttosto servire come istituto di ricerca sulla produzione di riso. La nuova legge, ha aggiunto Nipon, dovrebbe essere scritta con un occhio per affrontare le sfide future. Autore: Manuela Indraccolo

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI