PRODUZIONE IN CALO

Le ultime stime della FAO sulla produzione mondiale di riso
Secondo le ultime stime della Fao, la produzione mondiale nel 2019 dovrebbe essere a 755 milioni di tonnellate (501,3 milioni di tonnellate in equivalente riso bianco) in diminuzione dell’1% rispetto al 2018. Nel 2020, le proiezioni indicano un recupero dell’1,5% a 766,7 milioni di tonnellate (509,1 milioni di tonnellate in equivalente riso lavorato). Lo riferisce la nota congiunturale prodotta da Patricio Méndez del Villar, ricercatore presso il Centro di Cooperazione Internazionale per la Ricerca Agronomica per lo Sviluppo (www.cirad.fr), disponibile in quattro lingue:  Francese (Osiriz), spagnolo (InfoArroz), inglese (InterRice) e portoghese.

La produzione cinese e indiana dovrebbe migliorare grazie all’espansione delle aree di coltivazione e alle buone condizioni climatiche. Nel Sud-Est asiatico, in particolare in Tailandia, la produzione dovrebbe migliorare, ma meno del previsto a causa della siccità che ha colpito il raccolto fuori stagione. Nel resto della sottoregione si prevede un aumento complessivo della produzione. Nell’Africa subsahariana, e nelle regioni occidentali in particolare, le condizioni di pioggia sono state favorevoli allo sviluppo delle colture, ma le recenti inondazioni, le più gravi degli ultimi sessant’anni, potrebbero influenzare i raccolti futuri. Di conseguenza, le prospettive di un miglioramento del 2,9% della produzione africana potrebbero essere riviste al ribasso. Nel Mercosur  il bilancio della campagna riso è positivo, con un incremento complessivo del 3,2% rispetto al 2019.

Proiezioni per il 2021  a livello mondiale

Negli Stati Uniti la produzione dovrebbe aumentare significativamente del 17% grazie all’incremento della superficie seminata. Tuttavia, le cattive condizioni meteorologiche nelle zone di coltivazione del riso hanno ritardato il raccolto e potrebbero influire sulla qualità del risone.

Nel 2019 il commercio mondiale è diminuito del 9% a 44,2 milioni di tonnellate contro i 48,5 milioni di tonnellate del 2018. I principali importatori asiatici, ad eccezione di Filippine, hanno diminuito gli acquisti dall’estero. Le importazioni inoltre sarebbero scese a 167 milioni di tonnellate rispetto ai 16,9 milioni di tonnellate del 2018. Per il 2020, le proiezioni globali indicano un leggero calo dello 0,3% a 44,1 milioni di tonnellate. Intorno a questa stabilità rispetto al commercio mondiale, ci sono situazioni di fornitura contrastanti di esportazione. Le vendite tailandesi sono attese in forte calo del 30%, al livello più basso degli ultimi 20 anni. Il sito Vietnam, che dovrebbe superare la Thailandia, dovrebbe confermarsi al terzo posto in tutto il mondo. L’India, invece, mostra una ripresa del 25% delle esportazioni, grazie a prezzi molto competitivi, consolidando così il suo primato nelle esportazioni di riso globali. Le proiezioni per il 2021 indicano per il momento un significativo aumento degli scambi commerciali: la produzione mondiale dovrebbe crescere  del 6,9% a 47,1 milioni di tonnellate, con un incremento di 3 milioni di tonnellate rispetto al 2020.

Importazioni ed esportazioni mondiali

Le scorte mondiali di riso che terminano nel 2019 sono cresciute del 4,8% a 184,7 milioni di tonnellate contro le 176,3 milioni di tonnellate nel 2018, raggiungendo il livello più alto mai raggiunto a livello storico. Questi stock rappresentano il 37% del fabbisogno mondiale.

Questo ulteriore miglioramento è dovuto a la maggior parte dell’aumento delle riserve cinese e indiano, così come quello indonesiano. I paesi esportatori avrebbero hanno visto crescere le loro riserve anche nel 2019 per 45 milioni di tonnellate, ovvero il 25% delle disponibilità mondiali. Le stime per il 2020, tuttavia, indicano che le scorte globali sono scese dell’1,3% a 182,4 milioni di tonnellate. Questo calo potrebbe ridursi ulteriormente a continuare nel 2021 con una proiezione di 182,0 milioni di tonnellate, ovvero lo 0,2% in meno rispetto al 2020.

A settembre, i corsi internazionali di riso sono diminuiti a causa di un calo della domanda in tutto il mondo. Importatori asiatici e gli africani hanno fatto i loro acquisti a luglio e agosto, e non dovrebbero tornare in modo significativo sul mercato internazionale prima dell’inizio dell’anno prossimo. La maggior parte degli esportatori stanno vedendo diminuire le loro vendite esterne, e, in particolare in Thailandia e nel Vietnam. L’India, invece, continua ad esportare su larga scala grazie a prezzi molto competitivi.

Stime sui prezzi mondiali del riso

Negli Stati Uniti, settembre è stato il mese peggiore da diversi anni a questa parte:  le spedizioni che non hanno superato le 85 000 tonnellate contro una media mensile di 240.000 tonnellate per i primi otto mesi dell’anno. I prezzi mondiali dovrebbero rimanere deboli almeno fino almeno alla fine dell’anno, grazie ad una  disponibilità esportabile ancora relativamente esportabile. Inoltre, i raccolti nell’emisfero nord hanno iniziato ad arrivare sul mercato e saranno disponibili all’inizio del 2021. Cina e India, i due principali produttori globali, dovrebbero vedere la loro produzione per progredire grazie ad una estensione delle superfici coltivate a riso e condizioni climatiche migliori.

A settembre, l’indice OSIRIZ/InfoArroz (IPO) è diminuito di 4,1 punti in media a 224,9 punti (base 100=gennaio 2000) rispetto ai 229,0 punti di agosto. All’inizio di ottobre, l’indice IPO tendeva ancora a indebolirsi segnando il 221 punti.
In India, il prezzo del riso è sceso di un ulteriore 5%, ampliando il divario con i principali concorrenti. Le esportazioni indiane sono aumentate negli ultimi sei mesi con una media mensile di 1,2 milioni di tonnellate rispetto alle 850.000 tonnellate precedenti. C’è un fortissimo interesse per il riso indiano, in particolare in Africa, che rappresenta il 60% degli sbocchi commerciali indiani. Tuttavia, con il calo della domanda mondiale, che sta attualmente influenzando i prezzi globali, il volume delle vendite indiane potrebbe rallentare nell’ultimo trimestre dell’anno. Le esportazioni dovrebbero ancora raggiungere un nuovo record con 12,5 milioni di tonnellate contro i 9,8 milioni di tonnellate del 2019.
A settembre, il riso indiano è sceso del 5% a 358 dollari/tonnellata Fob rispetto ai 378 dollari di agosto. All’inizio di ottobre, tendeva ancora a indebolirsi segnando 350 dollari. Anche il riso indiano è sceso del 25% a 335 dollari contro 350 dollari.
In Thailandia, i prezzi all’esportazione sono rimasti relativamente stabili, ma tendono a diminuire da metà settembre a causa dell’indebolimento del mercato del riso, della domanda globale e della forte concorrenza tra gli esportatori.
Inoltre, l’offerta di esportazione è ancora relativamente ampia e l’arrivo del raccolto principale alla fine dell’anno dovrebbe continuare a pesare sui prezzi. Le esportazioni thailandesi sarebbero in ritardo del 30% rispetto all’anno scorso in questo momento e non potranno superare i 6,5 milioni di tonnellate nel 2020, il livello più basso degli ultimi vent’anni. A settembre, il prezzo del riso thailandese 100%B ha segnato una media di 491 dollari la tonnellata, quasi invariata rispetto ad agosto. Il Parboiled Thai, invece, è salito a 493 dollari contro i 488 dollari precedenti. La varietà di rottura A1 è rimasta stabile a 413 dollari. All’inizio di ottobre i prezzi erano in calo, anche a causa della rivalutazione del baht rispetto al dollaro.

Calo della domanda internazionale

In Vietnam, i prezzi all’esportazione sono diminuiti del 2% per il calo della domanda internazionale, in particolare dalle Filippine, il principale mercato che assorbe quasi il 40% delle vendite vietnamite:  annunciato un rallentamento delle importazioni nell’ultimo trimestre del 2020 per sostenere i prezzi alla produzione interna. A settembre le esportazioni vietnamite sarebbero diminuite del 36% rispetto ad agosto e al ritmo attuale le vendite esterne non potranno superare i 6 milioni di tonnellate nel 2020, in calo del 10% rispetto all’anno precedente. A settembre, il Viet 5% ha segnato 469 dollari per tonnellata rispetto ai 476 dollari di agosto. Anche il Viet 25% è sceso a 448 dollari dai precedenti 456 dollari la tonnellata. All’inizio di ottobre i prezzi sono rimasti stabili.

In Pakistan il prezzo del riso è sceso dell’1%, sotto la pressione della domanda di importazione e la concorrenza indiana. Il nuovo raccolto sta iniziando ad arrivare sul mercato e nonostante il ritardo, dovuto al maltempo, dovrebbe aumentare del 10% rispetto alla campagna precedente. A settembre, il Pak 25% è stato quotato 360 dollari la tonnellata rispetto ai 364 di agosto. All’inizio di ottobre i prezzi tendevano ancora ad indebolirsi.
In Cina, le autorità pubbliche continuano a mettere sul mercato vecchie scorte prima dell’arrivo del nuovo raccolto principale. Nel 2020, le esportazioni cinesi potrebbero superare i 3 milioni di tonnellate rispetto ai 2,6 milioni di tonnellate del 2019.
La disponibilità esportabile aumenterà grazie al miglioramento della produzione, a seguito di una politica di incentivazione dei prezzi alla produzione, che ha favorito l’estensione delle superfici risicole.
Negli Stati Uniti, il prezzo del riso è sceso di un ulteriore 4% in un mercato con export molto indebolito. Il nuovo raccolto sta cominciando ad arrivare, ma si dice che sia in ritardo per le cattive condizioni meteorologiche che hanno colpito tutte le regioni risicole. A settembre, le vendite all’estero hanno raggiunto a malapena le 85.000 tonnellate. Si tratta del livello più basso di esportazioni da oltre un decennio, principalmente a causa del basso livello delle vendite in Messico, i cui acquisti di riso nordamericano sono stimati a sole 7.500 tonnellate rispetto ad una media mensile di oltre 50.000 tonnellate per i primi otto mesi dell’anno.
Prezzi all’esportazione di riso  nel Mercorsur
Tuttavia, il Messico rimane il principale cliente con il 22% delle esportazioni, seguito dal Giappone (15%) e da Haiti (12%). Il prezzo obiettivo per il riso Long Grain 2/4 a grano lungo è stato in media di 595 dollari rispetto ai 617 dollari di agosto. All’inizio di ottobre il prezzo è rimasto fermo intorno ai 595 dollari. Alla Borsa di Chicago, i prezzi dei futures del risone sono saliti del 3,2% a 273 dollari a tonnellata rispetto ai 264 dollari di agosto. All’inizio di ottobre, tendevano ancora a rafforzarsi, con una media di 278 dollari la tonnellata.

Nel Mercosur i prezzi all’esportazione sono rimasti stabili, ma le esportazioni hanno risentito della debolezza della domanda mondiale. In Brasile, le vendite esterne non hanno superato le 40.000 tonnellate (equivalente riso lavorato) rispetto alle 120.000 tonnellate del mese di agosto. Le esportazioni brasiliane sono comunque in anticipo del 45% rispetto al 2019. In Argentina, invece, le vendite all’esportazione sono stimate in ritardo del 25%, mentre in Uruguay le esportazioni sono stimate in anticipo del 55%. Il prezzo target medio del risone brasiliano è salito ancora una volta del 34% in un mese, raggiungendo il livello più alto dalla crisi del 2008. A settembre, la media è stata di 387 dollari la tonnellata rispetto ai 289 dollari di agosto. All’inizio di ottobre ha cominciato a perdere slancio, con una media di 375 dollari la tonnellata.

Nell’Africa subsahariana i prezzi interni sono ancora stabili. Il problema della fame sta finalmente finendo e i mercati cominciano a rifornirsi di riso locale. Le prospettive di buoni raccolti si stanno confermando e dovrebbero contribuire al calo dei prezzi locali. La domanda di importazione di riso tende attualmente a indebolirsi, dopo essere stata particolarmente attiva nei mesi di luglio e agosto.
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI