PREZZI STABILI IN ASIA

L'analisi di Gaotrade sui mercati orientali del riso
Stabili i prezzi all’esportazione del riso nei principali hub asiatici la scorsa settimana, ma una siccità pluriennale sostiene le attese di un aumento delle quotazioni i tailandesi, mentre un’ ondata di freddo sta minacciando i raccolti in Bangladesh. Ne parla Gaotrade. I prezzi della varietà RI-THBKN5-P1 di riso con rottura al 5% di riferimento della Thailandia sono stati quotati giovedì a 425- 435 dollari la tonnellata, sostanzialmente invariati rispetto a due settimane prima, ancora al livello più alto da giugno 2018. Sebbene la domanda non abbia subito impennate, i prezzi del riso thailandese, scambiato per tutto il 2019 in rialzo rispetto alle varietà vietnamite, sono rimasti elevati anche nel 2020 a causa della siccità che minaccia l’offerta e del continuo apprezzamento del baht. La stagione secca della Thailandia è iniziata a novembre e di solito dura fino ad aprile, tuttavia le autorità hanno affermato che quest’anno potrebbe continuare fino a giugno. Lo stato di siccità è stato dichiarato in 14 province nelle regioni agricole centrali, settentrionali e nord-orientali. Per quanto riguarda la produzione indiana, i prezzi all’esportazione sono rimasti stabili a causa della debole domanda dei paesi africani. I prezzi della varietà parboiled con rottura al 5% RI-INBKN5-P1 sono rimasti invariati rispetto alla settimana precedente, a circa 362- 366 dollari la tonnellata.
“La domanda è contenuta, mentre la disponibilità aumenta a seguito del raccolto estivo “, afferma un esportatore con sede a Kakinada, nello stato meridionale dell’Andhra Pradesh. Il vicino Bangladesh, al contrario della Thailandia, si sta preparando per un’ondata di freddo, che potrebbe avere un impatto sulle colture, incluso il riso, ha affermato Mizanur Rahman, un alto funzionario del ministero dell’agricoltura. «I semi si sono seccati a causa del freddo estremo» ha affermato Rahman, aggiungendo che un prolungato periodo di freddo avrebbe effetti devastanti sul raccolto. L’ufficio meteorologico ha infatti ricordato che l’ondata di basse temperature, accompagnata da venti freddi e piogge sparse, continuerà probabilmente per qualche altro giorno. In Vietnam, i tassi per riso rotto RI-VNBKN5-P1 con rottura al 5% sono scesi a 355 dollari la tonnellata giovedì, da 360 dollari la tonnellata della settimana precedente. «La domanda rimane debole questa settimana e il commercio è stato molto lento», ha sottolineato un commerciante con sede a Ho Chi Minh City. I dati di spedizione preliminari hanno mostrato che 138.650 tonnellate di riso verranno caricate nel porto di Ho Chi Minh City tra il 1 ° gennaio e il 23 gennaio, con gran parte del grano destinato all’Iraq e all’Africa occidentale. Il Ministero dell’Industria e del Commercio questa settimana ha aggiunto 47 aziende a un elenco di esportatori di riso ammissibili, portando il numero di esportatori vietnamiti autorizzati a 182, ha affermato una dichiarazione del governo. La mossa ha lo scopo di “facilitare le esportazioni di riso, promuovere la produzione di riso in modo sostenibile e migliorare la competitività del riso vietnamita”, ha aggiunto la nota.
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI